Home » Recensioni » Creed (2016): il risveglio degli occhi della tigre

Creed (2016): il risveglio degli occhi della tigre

In sala
abbiamo il settimo capitolo di una saga cinematografica molto amata, che
vorrebbe rilanciare il titolo utilizzando nuovi personaggi che si interfacciano
a quelli vecchi. No, non è quel film di cui potreste aver sentito parlare come il maggior incasso della storia del Cinema,
sto parlando di “Creed” e sapete che c’è? E’ anche un buon film.

Ho avuto un
rapporto conflittuale con questa pellicola, sin da quando ho visto il primo
trailer mesi fa, per altro anche l’unico che ho visto. A metà visione sono esploso
in un educato e morigerato “Ma va cagare vah!!”, tipica espressione francese
che serve a indicare quella sensazione che potremmo riassumere: “Qui ci stanno
fottendo di nuovo, propinandoci l’ennesimo film pieno di strizzatine d’occhio
che serve solo a fare leva sull’effetto malinconia per spillarci i soldi”… Lo
sapete che non sono bravo a riassumere!
Ormai lo sanno
anche i sassi che non sopporto i film-malinconia, tutti basati sulle strizzatine d’occhio e le gomitate dati agli appassionati, bisogna riconoscere che non è più una moda o una
tendenza, ma è una precisa scelta che paga grossi dividenti al botteghino,
spero di sbagliarmi, ma temo che anche il nuovo Ghostbusters sarà fatto così. Cosa ci volete fare, sono un residuato bellico di un’altra Era, sono scarso
di comprendonio e ho la testa dura, quindi continuo ad amare quelle storie
capaci di stare in piedi sulle loro gambe da sole, senza bisogno di fare leva
sull’effetto nostalgia a tutti i costi, quelle storie su testoni duri di
comprendonio, ma capaci a tira pugni tipo che so… Rocky.



“Sparisco un attimo e poi ricompaio dall’altra parte”.
Tra l’uscita americana di fine 2015 e quella italiana di inizio 2016, purtroppo non ho
avuto il tempo di incastrare una mini retrospettiva sui film della saga di
Rocky, mi sarebbe piaciuto, quindi ora vi beccate la versione alleggerita sui
sei film precedenti (a grandi linee) e poi chissà…
Il primo Rocky
era come il suo protagonista: di poche parole, a tratti naif, ma con un cuore
grande così, un film semplice nella struttura, che comunicava più attraverso le
immagini e le azioni che utilizzando le parole (come la maggior parte dei film
che piacciono a me), un capolavoro di semplicità ed emozioni talmente grosso da
diventare un classico per intere generazioni. Negli anni abbiamo avuto centinaia
di film che hanno tentato di replicarne lo schema, ripetendo le dinamiche tra
maestro e allievo che insieme superano le differenze, imparano a conoscersi e
trovano riscatto nello scontro finale. Pensate a brutte copie tipo Southpaw, giusto per fare un esempio
recente, oppure “Ogni maledetta domenica”, “Karate Kid”, “Milion Dollar baby”.
Ma lo schema è talmente efficace da funzionare anche in campo non pugilistico/sportivo,
pensate a cose come “Kung fu Panda”, “Il discordo del Re”, oppure Whiplash.
I sequel
di Rocky hanno tentato di replicare lo schema, partendo dallo sfigatissimo
Rocky II (uno dei peggiori della saga secondo me), pian piano prendendo una
deriva sempre più figlia del suo tempo, quindi a volte politica (Rocky IV) a
volte tamarra (Rocky III).



“E’ più tamarro Clubber Lang!” , “No! E’ più tamarro Ivan Drago!”.
Su Sly
Stallone possiamo dire un sacco di cose: è un attore limitato ed è anche un po’
schiavo del suo personaggio, ma di certo non si può dire che non sia umile o
dotato di sale in zucca. Nella sua intelligenza, Stallone ha capito che la saga
di “Rocky” aveva bisogno di una dimensione più intimista e dimessa, i risultati
sono stati a volte scarsi (Rocky V, o come lo chiamo io, “Il Rocky di cui
nessuno si ricorda), a volte un po’ più riusciti (“Rocky Balboa” il sesto
capitolo, quello che si gioca l’ultima cartuccia dell’atletismo di Zio Sly).
Tutta questa (lunga) parentesi per dire che la saga di Rocky ha sempre vissuto
di ripetizioni, in questo senso “Creed” si incastra perfettamente nella
tradizione e di nuovo, come il suo protagonista, manda a segno dei colpi
giusti, mentre altre cose le sbaglia, ma alla fine porta a casa
il risultato.
Lo dico
subito: le strizzatine d’occhio ci sono, ma per fortuna sono piuttosto
limitate e soprattutto non fanno mai l’errore di strangolare la storia e i
nuovi personaggi, solo per fare felici i fans (…Vero J.J.? Prendi appunti grazie). In alcuni passaggi, ho rivisto in
“Creed” delle somiglianze con l’altro grande ritorno di un personaggio della
nostra infanzia, il ritorno giusto, quello bello e ben fatto di Mad Max: Furiostrada. Ok, sono stato sul
vago anche troppo, iniziamo a parlare del film, da qui in poi qualche
anticipazione (nota anche come SPOILER… Ma poca roba giuro!).
Adonis
“Donnie” Johnson (Michael B. Jordan) è il figlio del grande campione
Apollo Creed, ma essendo nato da una notte brava fuori dal letto coniugale,
quando lo incontriamo sta facendo a cazzotti (vincendo) in un riformatorio. Gli
fa visita Mary Anne Creed (Phylicia Rashad… La signora Robinson! Cavolo ora il
revival anni ’80 è completo, manca solo Mr. T!) che lo adotta ufficialmente
offrendogli una vita agiata.



“Chi hai chiamato Johnny Storm culo bianco?”.
Ma il ragazzo
è tormentato, combatte in tornei di boxe clandestini in Messico, poi un giorno
molla il suo comodo lavoro di ufficio con la volontà di diventare un pugile
professionista e per farlo, c’è un solo posto al mondo dove può andare:
Philadelphia. E non certo perché è ghiotto di formaggio spalmabile!
Qui partono
tutte le dinamiche che potete attendervi: l’incontro con Rocky Balboa
(ovviamente interpretato da Sylvester Stallone, questa era facile, no?), tutta
la trafila del “Ti alleno”, “No non ti alleno” è inevitabile, così come
l’incontro con la bella vicina di casa di nome Bianca (Tessa Thompson, già
vista in Selma), un personaggio che
potremmo riassumere con queste immortali parole: “Io c’ho i vuoti, lei
c’ha i vuoti e assieme li riempiamo”.


Fino qui tutto come da programma, no? Compresi i momenti classici che strizzano l’occhio ai fans, come l’allenamento con il pollo da catturare, la corsa in tuta grigia e berretto nero e ovviamente il montage musicale, che sta a questa saga come il “Mi chiamo Bond, James Bond” sta a quella di 007. Un montaggio con musica di sottofondo che ci mostra una sfida fisica, da superare con grande pathos scenico, e che rappresenta la prova che ora l’allievo è pronto ad affrontare, ovvero il grande incontro finale. Abbiamo visto la corsa tra Rocky e Apollo in spiaggia (Rocky III), l’allenamento nella nevi Russe (Rocky IV) qui è la volta della corsa delle moto lungo la strada, quando il giovane Creed (ma non chiamate “Small Creed” che si incazza malamente) riesce a superarle, vuol dire che ci siamo

Heaaaaaaaarts oooon fiiii-iiire, Strooooong de-siiiiiiiiire!
Cosa manca? Lo
sfidante, anzi il campione, l’inglese ‘Pretty’ Ricky Conlan (il faccino tenero
di Tony Bellew), con la sua storia passata di squalifica (e galera) per
possesso di arma da fuoco e la volontà di farsi un po’ di pubblicità mandando
al tappeto l’astro nascente, il figlio del grande campione (Apollo Creed)
allenato da un altro grande campione (Rocky Balboa).
Togliamoci il
dente, le strizzate d’occhio ci sono: si parte dai colori dei pantaloncini di
Adonis, passando per il tema musicale di “Rocky” che nel momento di massimo
apice del film fa capolino per cinque o sei secondi, ma essendo uno dei più
belli della storia del Cinema, era impossibile resistere alla tentazione di non utilizzarlo.
Togliamoci il
dente (secondo estratto) i personaggi di contorno: se “Rocky” portava in scena
personaggi fantastici (tutti, anche i comprimari, pensate a Paulie), qui tutti
quelli che si muovono intorno ad allievo e maestro forse non hanno lo spazio
sufficiente per esprimersi a pieno. Bianca svolge bene il compito di “Adriana”
di turno e avrei gradito qualche scena in più tra Adonis e sua madre, se non
altro, a differenza di quella fetecchia di Southpaw,
qui almeno si sono ricordati di creare un minimo di background al pugile
avversario, perché se vuoi che la sfida finale funzioni, l’avversario deve
essere una vera minaccia.



“Un, due, tre… Menare! Un, due, tre… Menare!”.
Tutti questi
difetti ci sono, per fortuna restano limitati (specialmente le strizzate
d’occhio che mal sopporto), quello che funziona è tutto il resto, specialmente
i due protagonisti, con i loro rispettivi archi narrativi.
Per la prima
volta in questa saga, abbiamo un protagonista che come direbbero gli Americani
e come gli dice anche ‘Pretty’ Ricky Conlan, è cresciuto con un “silver spoon in
hand”… Pensavate davvero che avrei perso l’occasione di citare i CREEDence Clearwater Revival?
Qui assistiamo
alla storia di Donnie “Hollywood” Johnson, che abbandona la sua vita agiata
nella ricca California, per recarsi nella proletaria Philly, un luogo fatto di
scalinate e statue, dove chi lavora sodo e non ha paura dei pugni in faccia
piace alla gente del posto (citofonare Allen Iverson per conferma). Esattamente
come succede a Max nell’ultimo capitolo della sua saga, siamo di fronte ad un personaggio che deve riconquistarsi
tutti i suoi simboli (Per Max giacca e V8, per “Lil’ Creed” i pantaloncini del
padre), ma anche il suo nome. A fine film, il personaggio che abbiamo di fronte è
Adonis Creed, uno che si è guadagnato il diritto di indossare quei colori e
quel nome, il rispetto del suo avversario, del pubblico, del suo allenatore, ma
e anche di noi spettatori, dopo questo film non mi dispiacerebbe di vedere un
“Creed II”, per il III, il IV e il V poi vediamo come va…
“Creed” funziona, questo lo dobbiamo al regista (sceneggiatore e autore del
soggetto) Ryan Coogler, al primo film con una major dopo il suo ottimo esordio
“Fruitvale Station” (che consiglio a tutti), da cui proviene anche il
protagonista, ovvero Michael B. Jordan.



Indossare i colori di famiglia (occhio viola compreso).
Il nostro Ryan
Coogler si è buttato su questo progetto con l’approccio giusto, testa bassa,
pedalare, “Umiltè strEordinEria” (Cit.), ma soprattutto ha fatto i compiti, che
è sempre una cosa che apprezzo in uno sceneggiatore. L’arco narrativo di Adonis
funziona tanto che potrebbe convincere anche in un film dove ad un certo punto
ciccia fuori Rocky Balboa e quando il pugile più famoso della storia del Cinema fa la sua comparsata, la storia non cerca di far rivivere allo
spettatori i vecchi ricordi, o meglio lo fa, ma è una cosa extra, il l’obiettivo del film è anche quello di portare avanti la storia di Rocky dal punto
in cui l’abbiamo lasciata.

Per farlo Coogler non si limita a omaggiare le parti migliori del passato del personaggio (quando scrivo queste cose vorrei avere JJ Abrams sotto le mani per dargli dei sonori coppini sulla testa…), non disdegna nulla, nemmeno le parti peggiori, il Rocky di questo film non è solo invecchiato, è pronto a prendere il ruolo di allenatore di Mickey e quello di coscienza di Paulie (motivo per cui ho amato la scena al cimitero, perché non è solo “Fan Service”… Ciao Sergio!), Coogler non rinnega nemmeno i capitoli meno riusciti della saga (come detto Rocky “Nessuno si ricorda di me” V), raccontandoci cosa è successo a Robert Balboa ed è proprio grazie agli errori di padre, il nostro “Rock” (come si presenta lui… figata!) capisce che Adonis non ha bisogno di un padre, ma di trovare se stesso. Per me questo vuol dire aver capito i personaggi, avere un’idea di dove portarli, bilanciarli bene tra “vecchie glorie” e “nuovi arrivati” raccontando una storia che sta sulle sue gambe e che ogni tanto strizza l’occhio al pubblico… Cavolo cosa non darei per avere J.J. Abrams tra le mani in questo momento!


“Dai ragazzo, domani ci disegniamo sopra la faccia di J.J. Abrams”.
Il risultato
viene ottenuto grazie ad una regia capace che ogni tanto indugia nella camera
a mano che segue i protagonisti (l’inquadratura che io amo chiamare “NuCam”),
ma che mantiene la stessa distanza anche durante i combattimenti. Niente
macchina da presa piazzata a bordo ring quindi, e dimenticatevi anche le inquadrature patinate
di Southpaw. Ryan Coogler a mio
avviso ha saputo fare un ottimo lavoro, trovando il giusto mix tra i classici
combattimenti che il pubblico si aspetta da “Rocky” e una certa volontà di
realismo che non guasta mai.



Era da “The Wrestler” che non si vedeva una  “NuCam” così.
In tutta risposta,
i due protagonisti sono totalmente in palla. Ora, io ho un collega americano,
ho visto il suo nome nell’indirizzario aziendale e mi è caduto l’occhio per
via dell’omonimia con il mio grande mito sportivo. Ecco, quando agli
indirizzari aziendali hanno aggiunto le foto, l’entusiasmo ha lasciato il passo
alla realtà: più vicino ai 60 che ai 50, 47 chili con camicia e penne nel
taschino e occhiali a culo di bottiglia (storia vera), ma soprattutto… Bianco.
Tutto questo
per dire che se ti chiami Michael Jordan, un paio di attenzioni le attiri,
anche se in mezzo ci metti una “B” puntata. Che il nostro MBJ fosse bravo, si era
(intra)visto nella piccola parte che faceva nella più bella serie tv della
storia (Ovvero: The Wire), si era visto anche in “Fruitvale Station” ecco, se non
fosse stato per quella porcheria di film sui Fantastici Quattro, sarebbe andata
molto meglio. Per fortuna, possiamo archiviare l’esperienza come Torcia umana
come uno scivolone lungo il percorso, Michael B. Jordan qui è tirato come una
lippa, funziona alla grande nelle scene drammatiche e in quelle di Boxe, ma
soprattutto è totalmente credibile nei panni di uno con il fuoco dentro. Nella pellicola non si parla di “occhi della Tigre”, ma il Michael B. Jordan di questo film, proprio come Adonis Creed, è all’altezza del suo nome e, credetemi, per un fan di MJ (senza la B) questo è un complimento.



“Senti un pò, ma quella B lì nel mezzo per cosa sta esattamente?”
Ma è inutile
girarci attorno, non staremmo qui a parlare di “Creed” se non fosse per un uomo
soltanto, quello da cui tutto e cominciato, ovvero: Sylvester Stallone.
Come detto, non
ho creduto molto a questo film guardando il trailer, per fortuna la pellicola
(che poi è quella che conta) mi ha fatto cambiare idea, tanto che anche se sono
una clamorosa pippa in molte cose, specialmente a fare le previsioni, qualche
settimana fa mi sono lanciato in un rischioso: “Qui rischiamo Sly Stallone
nominato come miglior attore non protagonista agli Oscar”. Quando leggerete
questo sarà già notizia vecchia, ma io che vi scrivo dal passato, vi dico che
questa notte Stallone ha vinto il Golden Globe, se persino un “Nosfigatus” come
me è riuscito ad azzeccare una previsione, è perché Rocky e Stallone sono la
stessa persona, con buona pace della finzione cinematografica.



Win, Rocky, Win!
Tornando di
nuovo nei panni del personaggio della sua vita, Stallone ci mette di nuovo
tutto se stesso, quando parla ad Adonis di suo figlio Robert Balboa, è chiaro
che sta pensando a Sage Stallone, che interpretava Robert in “Rocky V” e che
purtroppo è morto prematuramente nel 2012. La presenza di Rocky nel film non è
solo il contentino per i fans, ma è un altro tassello che va ad aggiungersi
alla storia del personaggio. Il bello è che Stallone non fa finta di non essere
nato nel 1946 e la storia non fa finta che il tempo non sia passato (posso
sfidare JJ Abrams ad un match di Boxe? Posso?), la storia del giovane Creed e
anche quella del vecchio Rocky, una non annulla l’altra, siamo di nuovo di
fronte al vecchio archetipo narrativo del maestro e dell’allievo, ma funziona
e ti ritrovi ad esultare per ogni pugno mandato a segno da Adonis e a tifare
per lui quando l’arbitro parte con la conta…
“Creed” non è
un film impeccabile, però funziona, ha lo spirito giusto e la voglia di
sporcarsi le mani, forse sarà anche vero che nel 2016 non si possa davvero
raccontare qualcosa di nuovo, però questo film riesce a rilanciare una saga
storica senza furberie, temevo gli occhiolini, per fortuna, invece, sono arrivati
gli occhi neri!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Trunk – Locked In (2024): bagagliaio che te ne vai lontano da qui chissà cosa vedrai

    Mille piattaforme di streaming e il risultato? Passi ore a sfogliare in cerca di qualcosa da guardare, oppure metti su un’altra volta il blu-ray di Grosso guaio a Chinatown e [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing