Home » Recensioni » Doctor Who – 13×06 – Flux capitolo 6 – The vanquishers: fine del viaggio Chibnall

Doctor Who – 13×06 – Flux capitolo 6 – The vanquishers: fine del viaggio Chibnall

Come avrebbe detto Vince Carter a Oakland nel 2000: I’t’s over.

La conclusione della miniserie “Flux” è la delusione
annunciata che già si attendeva, Chris Chibnall, meglio noto come Chris
Che-due-ball come sua abitudine, ha messo quintali di carne al fuoco senza
sapere come cucinarla, il risultato è un tedioso episodio di un’ora in cui i
personaggi si ammucchiano, gli eventi si accavallano e la trovata di
“sdoppiare” Doctor nella sua forma fantasmosa, se da una parte sembra una
citazione (più avanti ci torniamo) dall’altra parte pare l’unico modo possibile per Chibnall
per tentare maldestramente di chiudere le troppe sotto trame aperte tutte
insieme.

Mia nonna mi avrebbe riempito di cibo dicendomi: “Stai diventando trasparente!”

“The vanquishers” ci ficca l’imbuto giù per il gargarozzo e
poi ci affoga con una quantità di eventi esagerata, in cui i Sontaran,
impallinati di cioccolata in un negozietto, diventa una trovata che passa quasi
inosservata nel pasticcio generale di questo episodio, dove di colpi i Lupari
vengono sterminati, sempre fuori campo, perché Chibnall non mostra gli eventi,
li fa raccontare ai suoi personaggi.

Nel minestrone annacquato Chris Che-due-ball come suo
solito, risolve la minaccia dell’inarrestabile Flux con una trovata che più
scema non potrebbe essere, ennesima conferma che Chibnall prima spende ore a
raccontarci quanto la minaccia di turno sia impossibile da sconfiggere per poi
puntualmente venire disinnescata con una facilità irrisoria, proprio come Prentis,
anche lui ridotto ai minimi termini in mezzo minuto, eliminato dallo scacchiere
con una trovata improbabile, dopo aver speso tutto il quinto episodio a raccontarci quanto fosse imbattibile.

Talmente imbattibile che ci vorranno cinque minuti per liberarci di lui, ma cinque minuti pieni eh?

Fin dal suo primo episodio Chibnall ha sempre scimmiottato
lo stile di Russell T. Davies, il che poteva essere una buona idea a patto di
saperlo fare, per il finale della miniserie “Flux” Chris Che-due-ball ha
proprio calato la maschera, ricalcando l’ultimo episodio del finale della
quarta stagione, la puntata intitolata “Journey’s End” (4×13).

In quell’episodio gli Ood facevano una predizione al
Dottore, che veniva sdoppiato in due (la famigerata “mezza” rigenerazione di
David Tennant che tanto fece discutere ai tempi), entrambi gli episodi finivano
con il Master ad aleggiare nell’aria e ovviamente avevano una mega battaglia,
perché secondo voi Chibnall poteva non mostrare Dalek e Cybermen per due
secondi qui? Chris si è giocato tutto il reparto costumi della BBC, non poteva
lasciare fuori i nemici più famosi di questa serie, chi è lui? Il figlio della serva!?

Tre “companion” erano troppi, mettiamone ottanta!

Peccato che “Journey’s End” aveva un’epica, sapeva essere un
(doppio) episodio di grande respiro, qui assistiamo solo ad una fagiolata di
personaggi ammonticchiati uno sull’altro, la cui conclusione è molto meno
significativa di tante teoria che sono volate in rete in questi giorni, volete spiegarmi
l’utilità di Vinder (Jacob Anderson) e la sua compagna? Entrambi non pervenuti.

Chibnall ha dimostrato di aver solo allungato il brodo
quando Doctor era accompagnata da tre companion (anche noti come “I tre
marmittoni”) e qui cosa fa? Li moltiplica fino a sei: Vinder e signora, Dan e
la sua compagna, Yaz e il professor Jericho poi tanto per non farsi mancare
niente, “sdoppia” anche thirteen, il che ci permette di goderci una doppia Jodie
Whittaker, a cui tutti addossano le colpe del declino di questa serie per il
solo fatto di essere stata la prima “Doctor Who” donna, quando il vero
colpevole è la mancanza totale di idee da parte di Chibnall.

Mi dispiace solo che Jodie Whittaker sia il bersaglio su “Infernet”.

Beh sai che ti dico Chris? Hai invocato tanto la pioggia che
alla fine è arrivato il diluvio (cit.), con tutto quell’ispirarsi (qui
palesemente) a Russell T. Davies adesso verrai sostituito da… Russell T. Davis! Certo di mezzo ci aspetta ancora lo speciale di capodanno già annunciato (con i
Dalek, quanta originalità!) e forse un altro paio di episodi auto conclusivi,
ma il tuo regno di noia è finito Chibnall, non ci mancherai per niente.

Come sempre vi ricordo la pagina dedicata a Doctor Who!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Gli intrighi del potere – Nixon (1995): la storia di Tricky Dicky secondo Oliver Stone

    Oggi affrontiamo il titolo che per certi versi da solo, ha confermato una delle etichette appioppate al titolare della rubrica, quindi senza ulteriori indugi, benvenuti al nuovo capitolo della rubrica… [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing