Home » Recensioni » Doctor Who – 1×07 – The Legend of Ruby Sunday (2024): tutto pronto per il gran finale

Doctor Who – 1×07 – The Legend of Ruby Sunday (2024): tutto pronto per il gran finale

Ve lo dico subito, con Doctor Who ogni volta si finisce a misurare il tempo in modo strano, infinito tra una stagione e l’altra, ancora più infinito durante la patetica gestione delle tediose puntate scritte da Doppia C ed ora? Siamo già alla prima parte del finale della stagione di ritorno di Russell T Davies, che ancora spiega a tutti come si fa.

Questa volta il Dottore (vestito da Fonzie) atterra non nel palazzo dei Vendicatori ma in quello di UNIT, dove oltre alla solita Kate, ritroviamo i personaggi che hanno tanto fatto parlare gli omofobici di merd… Ehm, una porzione dei fan. Solita polemica utilissima perché qui i personaggi mettono in chiaro la loro utilità al servizio del piano del Dottore.

Non è “Happy Days” per via della giacca, ma il saluto ufficiale della Bara eseguito dal Dottore.

Il mistero da risolvere ruota attorno a Susan Triad, genio dell’IT con nuovo rivoluzionario software in rampa di lancio, ma soprattutto volto ricorrente della stagione, non solo per risparmiare sul cast (che non fa mai male), ma anche per creare una trama orizzontale che il Dottore decide di affrontare di petto e che si intreccia con il titolo (originale) dell’episodio.

Oltre alla faccia ricorrente di Susan Triad, a tenere banco durante la stagione anche la nascita e la vera madre di Ruby (Millie Gibson), se vi siete mai chiesti se una VHS potesse diventare in 3D, la risposta ci viene fornita dal Dottore, che grazie alla tecnologia della finestra temporale di UNIT (che gli provoca una crisi di ilarità rispetto a quella del suo TARDIS), riesce a ricreare in parte l’intenso momento dell’abbandono materno della neonata Ruby, solo per scoprire che qualcosa, anzi per la precisione “Colui che aspetta”, ha preso possesso del TARDIS.

Informatici, gente strana, gente pericolosa (sono della categoria, lo so)

“The legend of Ruby Sunday” ad una prima occhiata potrebbe sembrare la parte uno del finale di stagione, lo è, ma ad una seconda analisi è la prova dell’abilità di Russell T Davies di districarsi anche tra le aspettative dei fan.

Molti su “Infernet” avevano già ipotizzato che Susan Triad altro non fosse che la nipotina di One, la prima incarnazione del Dottore, avevamo già avuto indizi in tal senso, anche se la teoria più quotata era l’anagramma del nome del personaggio, ed è bello vedere come Davies abbia saputo utilizzare tutto questo nella sua sceneggiatura, tanto che persino il Dottore si auto convince della sua stessa tesi, ottima “Mossa Kansas City” per il pubblico.

Facce note e giacche di pelle.

Vi faccio una domanda, come si chiamava lo showrunner di “Doctor Who” che aveva promesso nuovi nemici e poi è finito ad usare ancora una volta i Dalek? Sempre lui, Doppia C, il maledetto! Quanti Dalek avete contato voi in questa stagione? Ve lo dico io, zero, nisba, nada! Badate bene io adoro i Dalek, ma mi piace anche di più che Davies abbia trovato un modo molto arguto per riportare in auge un vecchissimo avversario del Dottore (addirittura di Four, ovvero Tom Baker), oltre ad essere una nemesi apparsa spesso anche nei fumetti di “Doctor Who”.

Spero apprezzerete lo sforzo di evitare gli Spoiler anche nelle immagini.

Problema? Lo stesso già sottolineato fino ad ora, i titoli italiani degli episodi sono risultati tutti molto “gnecchi” come si dice dalle mie parti, insignificanti, se non fin troppo rivelatori, quello di questo episodio decisamente troppo, visto che rivela il mistero sbattendolo in faccia al pubblico. Male, molto male.

Questo non cambia nulla relativamente alla riuscita dell’episodio, sarà dura aspettare fino a sabato per potermi gustare il finale e poi sarà ancora più dura dopo, l’attesa per la prossima annata, fino ad allora, vi ricordo lo speciale dedicato alla serie che trovate sulla Bara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Ma come siamo già al pre-finale?
    Perché gli inglesi hanno il vizio della brevità?
    Come al mio solito vado a cercare il pelo nell’uovo con due missioni importanti portate avanti all’unisono da UNIT senza un vero senso, se non quello di unirle davvero… però c’è stata molta azione, molto pathos e posso dirmi contenta.
    Certo, ho dovuto cercare Susan e il cattivo in questione su Google, che i classici continuano a mancarmi, ma ben venga se spinge nuovi fan a fare altrettanto.

    Finale attesissimo, in cui chissà se verranno risolti tutti i misteri, nel mentre continuo a lamentarmi di una colonna sonora molto ingombrante per il mio orecchio. È solo un mio problema o devo settare meglio la TV? Ché ci tengo a provare emozioni in autonomia, non a essere spinta alla commozione in modo così marcato.

    • La musica è sempre più utilizzata così, specialmente nelle serie, di mio ho due sogni: inglesi che fanno stagioni e non miniserie e Disney+ che mette in catalogo tutte le vecchie puntate della serie da One in poi, vabbè continuo a sognare, per un’altra settimana abbiamo ancora questo di Dottore 😉 Cheers

  2. Il suo potrebbe essere un abito autopulente a schiuma detersiva quantica (qui ci voleva un po’ di technobabble Whoviano) 😉

    • Ci stava tutto, approvo 😉 Cheers!

  3. (Anche perché, a parte che Clara non può invecchiare essendo bloccata nell’istante tra i suoi ultimi battiti, spero vivamente che nel corso degli anni SI SIA CAMBIATA D’ABITO XD)

    • Sai che puzza altrimenti 😉 Cheers

  4. “Voglio usare i nemici dell’era classica” disse Doppia C, senza usarli.
    Non ricordo di preciso perché durante l’episodio ho urlato al mio compagno CHIBNALL, IMPARA COME SI FA per la 4589° volta, ma c’era sicuramente un motivo (in questa casa l’astio per Chibnall è condiviso pure dai miei gatti).
    Ah no, è stato il mio compagno a urlarlo a me, quando Fifteen ha abbracciato Mel tutto entusiasta 😂

    Bell’episodio, molto bello tutti che “sì, che S Triad fosse l’anagramma di Tardis l’avevamo notato subito”, Russell si riconferma Nostro Signore Indiscusso Del Trolling 😀

    Poco prima di venire qui a leggere l’articolo ho visto un post su Facebook terribile che mostrava una foto di Mrs Flood accanto a quella della Maledetta Clara e dannazione, sono vestite nello stesso modo >_>
    Spero sia un’altra trollata!

    • Altra trollata, me lo auguro, il buon vecchio Russell è il primo a stare su “Infernet” e queste cosette le vede tutte 😉 Cheers

  5. Io “Colui che aspetta” aspettavo di vederlo tornare (usando il suo vero nome che ovviamente non rivelo) da quando l’ho visto confrontarsi col Quarto Dottore su mamma Rai, più di quarant’anni fa… Ci è voluto Davies per accontentarmi (ché all’amico Chris, temo assai, non sarebbe mai passato nemmeno per l’anticamera del cervello) 😉

    • Il buon (buon?) Chris non sapeva nemmeno cosa stava facendo, a differenza del nostro Russell T 😉 Cheers

  6. Carabara, siamo partiti con la Ruby Tuesday dei Rolling Stones, siamo poi passati alla Ruby Thursday della Marvel Comics ed arriviamo alla Ruby Sunday del Dottore. Non vedo l’ora di leggerne i comics. Nel frattempo mi chiedo cosa ne farebbe di un concetto del genere il mio amico ed ex allievo Grant Emme, se decidesse di tornare a scrivere x la DC Comics. Vedo una versione femminile di Solomon Grundy che procede a salti quantici tra i giorni della settimana nel Multiverso. Nella prima vignetta della miniserie Solomona dice qualcosa come ” E’ domenica quindi devo essere su Apokolips!”. Ciao ciao

    • Solomon Grundy is born on Monday, or Sunday 😉 Cheers

Film del Giorno

Il signore del disordine (2024): no, non parla di mio suocero

Per uno come me, costantemente alla ricerca del prossimo Horror da guardare, questo “Lord of Misrule” non l’ho proprio visto arrivare, nel senso che ha zompato tutta la trafila abituale, [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing