Home » Recensioni » Frank Costello faccia d’angelo (1967): come si dice pietra miliare in francese?

Frank Costello faccia d’angelo (1967): come si dice pietra miliare in francese?

«Non esiste solitudine più profonda del samurai, se non quella
della tigre nella giungla».

Inizia con una frase attribuita al Bushidō questo film, recitano
così anche i cartelli originali in francese di “Frank Costello faccia
d’angelo”, bizzarra invenzione del nostro Paese, che oltre a co-produrre
il film, è riuscito nell’impresa di farsi odiare tantissimo dal suo regista, Jean-Pierre
Melville, uno che non le mandava certo a dire, cosa che non ha certo fatto con
gli Italiani, etichettati come «Salauds!», che detta così sembrerebbe una cosa
gentile, ma che si potrebbe tradurre, birbantelli, ecco, traduciamola così,
birbantelli.
Liberamente ispirato al romanzo “The Ronin” di
Goan McLeod, “Frank Costello faccia d’angelo” non ha quasi nulla a
che vedere con la vita del criminale Frank Costello, che infatti nella versione
originale del film si chiama Jef Costello, ma soprattutto ha ancora meno a che
spartire con il titolo originale voluto da Melville, “Le Samouraï” che
ammettiamolo, oltre ad essere più figo, è decisamente più adatto al tema e al
tono della pellicola.

No dai, questo titolo è molto più figo, non si discute.

La solitudine di un samurai, e una tigre nella giungla, proprio
questo sembra Costello nella prima scena, macchina da presa fissa mentre sbuffa
nuvolette di fumo in casa sua, silenzioso ma sempre attento e letale, come una
tigre appunto, oppure un samurai.

Questo film è senza ombra di dubbio uno dei punti più alti
della grande tradizione del “polar”, il noir/poliziesco francese degli anni ’60,
non potete mancarla questa tipologia di film, sono tutte storie di corruzione,
crimini passionali, tradimenti, omicidi, il più delle volte narrati in prima
persona, da protagonisti che fumano come se non ci fosse un domani (e tante
volte, un domani non lo hanno davvero) mentre indossano cappotto e Borsalino.

“Fa freddo, hai lasciato la finestra aperta?”, “No, è che siamo molto polar bellezza”.

Il nostro Jef Frank, viene assoldato dalla
criminalità Parigina per fare lavori di fino, si è fatto una reputazione perché
è un tipo metodico al limite dell’ossessività, tenetemi l’icona aperta, più
avanti ci torniamo. Ad interpretarlo è Alain Delon che si è fatto parecchio
desiderare dal regista, i due non si mettevano d’accordo sul numero di primi
piani che Delon pretendeva, ma in compenso ha ottenuto di infilare nel film la
sua compagna di allora, Jane Lagrange, la biondina che contribuisce a dare un
alibi a Costello (Storia vera).

Ma non ci sono dubbi che Melville faccia ruotare tutta la
pellicola attorno al suo protagonista, i primi otto minuti del film, ma tendono
quasi ad essere dieci se non contiamo un brevissimo scambio proprio con Jane
Lagrange, fanno di “Le Samouraï” un film muto. Frank si prende cura
dell’uccelletto che tiene nella gabbietta nel suo appartamento, esce per
strada, ruba una Citroën DS usando un mazzo di chiavi che sembra quello del
bidello della scuola, e si reca in uno locale di classe per concludere il suo
lavoro, ovvero quello di uccidere il proprietario del night.
A vederlo in faccia solo la bella pianista (Cathy Rosier),
che però incredibilmente, ma nemmeno poi tanto, nel confronto all’americana non
indica il nostro Frank come colpevole, regalandogli di fatto la libertà. Ed ora
lo dico senza paura di essere smentito, se Bryan Singer per il suo “I soliti
sospetti” (1995) non è andato a rivedersi questo film, giuro che mi mangio il
cappello.

“Keyser Söze mi spiccia casa.”

Eppure Costello ha tutta Parigi addosso, la criminalità è
convinta che lui abbia spifferato e gli manda contro un biondo killer (Jacques
Leroy), mentre la polizia non molla e l’ispettore (François Périer) gli sguinzaglia
dietro tutti gli uomini che ha, quindi il nostro Franky è un predestinato, la
morte aleggia su di lui per tutto il tempo. Persino quando intreccia una storia
d’amore con la bella pianista, che è di fatto una nera signora, con tanto di
vestaglia nera, ora io ho qualche problema con gli ideogrammi giapponesi, ma se
mai scoprissi che quello sulla schiena della ragazza vuol dire “Morte” o
qualcosa del genere, il cerchio sarebbe davvero completo.

Corteggiare la nera signora, e non è tanto per dire!

Quindi anche questo samurai di Melville, come nella migliore
tradizione dei samurai giapponesi è votato alla morte, il film invece è ultra
cesellato, curatissimo nei dettagli a partire dalla fotografia di Henri Decaë,
collaboratore storico di Melville e con le mani in pasta in molti dei film
della Nouvelle Vague.

Ma perché un cagnaccio senza collare come me scrive di un film
così? Perché “Le Samouraï” è essenzialmente il trionfo della narrazione portata
avanti per immagini più che con le parole, in pratica del cinema d’azione nella
sua forma più artistica, ma sempre di cinema d’azione si tratta.
“Frank Costello faccia d’angelo” è basato su un paio di
sequenze magistrali, quella già citata del confronto all’americana ad esempio,
è quella con più dialoghi di tutto il film, migliori di questa ci sono solo la
fuga di Frank nella metropolitana di Parigi, scendendo e salendo tra i vagoni
e lasciando con un palmo di naso tutta la polizia. Prova a farlo nella
metropolitana di Torino una cosa così, una linea retta che va da un punto “A”
ad un punto “B” e fine, non è un metrò, è il Brucomela di Gardaland.

“Prossima fermata Vinzaglio. Next stop Vinzaglio”.

Un tale trionfo di treni, vagoni e fermate deve aver per
forza influenzato uno come Walter Hill,
e di conseguenza Michael Mann, i due massimi cantori delle scene in
metropolitana del cinema americano, e a dirla tutta, anche il fatto che i
personaggi, ad esclusione del protagonista, non abbiano nemmeno un nome, ma
vengano identificati dal ruolo, è qualcosa che Hill deve aver sottolineato sul
suo taccuino di appunti.

Jean-Pierre Melville aggiunge momenti estremamente
ricercati, volutamente diretti per risultare stilosissimi all’occhio della spettatore,
su una trama che per sua stessa affermazione, era una cosina. Per Melville il
romanzo originale era davvero una robetta di poco conto, a cui ha voluto
aggiungere i suoi studi sulla schizofrenia per dare uno spessore e un’ulteriore
chiave di lettura alla trama.
Vi ero debitore di un’icona lasciata aperta, la chiudiamo subito,
il protagonista è anaffettivo, un po’ perché sembra intrappolato nella sua
volontà di risultare “Bello bello in modo assurdo” (Cit.), infatti non a caso è
interpretato da uno che per decenni è stato associato all’idea di uomo
estremamente affascinante, ovvero Alain Delon. Ma soprattutto Costello è
ossessivo, nei gesti con cui si prende cura del pennuto che tiene nella gabbietta in casa, ma
soprattutto nel suo modo di sistemarsi il Borsalino sulla testa, lo stesso cappello
che almeno in un’occasione gli salverà la pelle.

“Ora che ci penso, anche Zoolander mi spiccia casa.”

Melville ci racconta un personaggio affetto da una lucidissima
follia, votato alla sua missione, un suicidio rituale davvero degno di un
samurai, un seppuku finale algido e stilosissimo. Avete presente quella
sensazione di finale tragico dietro l’angolo, per dei personaggi fighi dentro i
loro soprabiti? Ecco quello, un Milano Calibro 9 in versione espansa.

Peso sulla cultura popolare del film? Notevole, magari non
direttamente, ma i registi che si sono abbeverati alla fonte di Melville sono
tantini, a parte il solito Tarantino che spunta sempre in questo tipo di
elenchi, qualcuno l’ho già citato, ma fatemi aggiungere anche William Friedkin,
che anche lui secondo me si è ripassato questo film prima di sfornare una
pietra miliare come “Il braccio violento della legge”. A ben
guardare, quella frase presa dal Bushidō può ricordare anche “Ghost Dog”
(1999) di Jim Jarmush, ma il merito di Melville è quello di essere riuscito a
tendere un ponte tra oriente e occidente che sembra dire: «Toninelli levati, ma levati proprio».

Stallo alla messicana francese.

Un francese, che ricordiamolo, sono i veri americani del
mondo per attitudine, per creare il suo Samurai ha guardato ad oriente, l’oriente
ha risposto, perché non avremmo avuto un solo film di John Woo senza Melville,
e già solo per questo bisognerebbe ringraziarlo. Ma anche Johnnie To non è
stato da meno, il suo “Vendicami” (2009) è quasi un remake di questo film,
basta dire che per il ruolo di protagonista, To avrebbe voluto proprio Alain
Delon, ma ha dovuto accontentarsi di Johnny Hallyday (storia vera).

Insomma, non so come si dica “pietra miliare” in francese,
per farmi tradurre le scritte ad inizio film ho chiesto consulenza alla mia
Wing-Woman (storia vera), ma questo film è decisamente una pietra miliare.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Sono onesto, in questi giorni ho visto per la prima volta il film e dire che sono rimasto allibito è dire poco: le lunghe, lunghissime, estenuanti scene in cui ogni più maniacale dettaglio è stato eseguito mi hanno messo a dura prova, la totale mancanza di emozioni del protagonista ha bruciato molto e l’assurdità del finale ha fatto sì che riservassi paroline frizzantine alla volta dell’autore 😛

    Essendo una co-produzione italiana sono volato sull’ANICA, che non è un blog di appassionati ma l’archivio ufficiale del cinema italiano, e alla voce “trama” ho trovato un testo incredibile: chi all’epoca l’ha scritto ha lasciato intendere che non c’ha capito un’acca manco lui! Ed è un archivio ufficiale!!! 😀

    Però poi sono venuto qui a leggerti, perché avevo vaghi ricordi che invece il film ti era piaciuto molto, ti ho letto e mi hai spinto a rivedere le mie emozioni sulla pellicola, che non erano lusinghiere su Melville (e sulla sua povera mamma, invocata spesso durante la visione!)
    Quando mi hai citato Hill mi è venuto in mente il capolavoro “Driver” che in effetti ricorda tantissimo l’ossessione per i dettagli muti, anche se però onestamente quello l’ho subito adorato mentre con Costello devo lavorarci parecchio per farci pace.

    Forse gli “eredi” di questo film, quelli che hanno usato le stesse idee ma in forme diverse – mi hai scaldato il cuore nel citare “Ghost Dog”! – li ho trovati molto più piacevoli, forse perché questo film è talmente “secco”, ridotto all’osso che la prima visione è dura da digerire, o forse usa un linguaggio che fa molto meno breccia nel mio cuore, comunque ti ringrazio per gli spunti che hai tirato fuori con questa recensione: hai mitigato la rabbia che m’è presa nel vedere Delon muoversi come un automa per l’intera vicenda 😛

    P.S.
    Ma davvero in Francia all’epoca il confronto “all’americana” si faceva davanti a tutti? Duecento persone che sentono esporre la tua fedina penale: e la privacy????

    • Penso che sia che un lascito del film, altri a partire dal Re della collina ne hanno capito il senso applicandolo da bravi studenti, più per tutti, ma non è certo un male, quindi ben felice di essere stato utile 😉 Francesi, i veri americani del mondo, tanto che non si chiama confronto alla francese, erano avanti anche sulle violazioni della privacy 😛 Cheers!

Film del Giorno

Twisters (2024): bentornati (e ben tornadi) nella succhiozona

Tra i titoli in uscita nel corso di questo malinconico 2024, per riempire l’estate arriva anche un seguito dopo ben ventotto anni di Twister e anche se i film escono [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing