Home » Recensioni » Galaxy Quest (1999): mai darsi per vinti… mai arrendersi!

Galaxy Quest (1999): mai darsi per vinti… mai arrendersi!

Ogni viaggio deve avere una destinazione che per me è stato
anche il punto di partenza, in realtà, io volevo solo scrivere un post su “Galaxy
Quest”, ma siccome mi piace fare le cosette per bene, ho finito per fare
un’intera rubrica dedicata a Star Trek
(storia vera).

Ci sono tanti film di “Star Trek” usciti nel corso dei
decenni, ma il migliore, in realtà, non ha nulla a che
spartire con il canone ufficiale, anche se di fatto ha davvero tutte le
caratteristiche che hanno reso la saga creata da Gene Roddenberry un
patrimonio della cultura popolare. Questo film uscì nel 1999, un periodo in cui
in sala i film di Star Trek erano ancora la normalità, anche se per tono fu, forse, oscurato dall’umorismo di un film simile, ma più facile da vendere
al grande pubblico come Men in Black.

Sta di fatto che “Galaxy Quest” dal pubblico di fine anni
’90 è stato scambiato per quello che non era (un altro film alla “Star Trek”
con un cast di lusso) quando, invece, è il più riuscito ed amorevole sfottò
(quindi omaggio, perché chi ti conosce meglio sa come prenderti amabilmente per
i fondelli) all’iconografia creata dalla serie televisiva e ai suoi appassionati.
Un film che è arrivato troppo presto, ma che già aveva capito tutto e ha saputo
omaggiare meglio di tutti la cultura Nerd, diventata imperante di lì a poco, ai
tempi ricordo le sue pubblicità in sala anche se a me è capitato di
vederlo solo in tv, quasi sicuramente su Sky (o più probabilmente Tele+,
come si chiamava allora), perdendo completamente la testa per questo
gioiellino.

Anche i titoli di testa sono in puro stile Star Trek.

Cresciuto (come vi ho ribadito in ogni capitolo di questa
rubrica) con i film di Kirk e compagni, m’innamorai subito di questo film
geniale pieno di tanti dei miei prediletti, per altro scritto da due
ragguardevoli Nerd come David Howard (autore della sceneggiatura di “Trek: the
movie” del 2018, questi sì, davvero senza legami con il mondo di “Star Trek” se
non per una curiosa assonanza) e da Robert Gordon che, non a caso, sarebbe poi
finito a sceneggiare Men in Black II.

La regia di questo gioiellino venne affidata a Dean Parisot,
uno che si era fatto le ossa in televisione e che magari potrebbe dirvi poco,
anche se ultimamente ha firmato il terzo capitolo delle avventure di Bill & Ted. La scelta non poteva
essere migliore, Parisot forte di tante regie televisive, ma con esperienza
cinematografica è l’uomo dei due mondi, infatti nella sua filmografia “Galaxy
Quest” spicca come una gemma.

“Ho solo doppiato Buzz Lightyear, non so se posso davvero andare verso l’infinito e oltre”

La storia è, senza troppi giri di parole, geniale. Si comincia
in un glorioso 4:3 con la proiezione di uno degli ultimi episodi della
leggendaria “Galaxy Quest” serie televisiva interrotta anzitempo negli anni ’80,
ma ancora amatissima e replicata nei palinsesti. Il suo contenuto? Sentiatevi
liberi di immaginare un incrocio tra la serie classica di Star Trek e alcuni elementi caratteristici presi da The Next Generation. Proprio come
accaduto a buona parte del cast delle due serie più amate dai Trekker, gli
attori non hanno combinato poi molto, per sempre legati al loro personaggio del
piccolo schermo, infatti il film comincia alla Convention che per molti attori
resta l’unica fonte di reddito, oltre che l’occasione per bearsi (o disperarsi)
delle glorie passate. Tra le tante trovate geniali di “Galaxy Quest”, il cast è
la prima che balza agli occhi.

Ammettiamolo, non è uno dei migliori equipaggi mai visti?

Tim Allen ha battuto la concorrenza di svariati attori e qui
brilla nel ruolo del vanesio e spocchioso capitano della nave, l’attore Jason
Nesmith ha l’atteggiamento, la pettinatura e la fama di stracciamutande di William
Shatner, unita alla capacità di aizzare la folla con la sola presenza di
Patrick Stewart. Di tutto il cast è quello che ancora si gode questi bagni di
folla, come se la fama non fosse mai passata, infatti, gli altri attori del cast
non lo sopportano per quel suo essere un attore fallito, che gonfia il petto
come il peggior pallonaro incontrato al bar.

“… Il mio migliore amico era un cowboy giocattolo”, “See vabbè a chi vuoi farlo credere?”

L’attore dai trascorsi teatrali, in eterna lotta con il
personaggio che gli ha regalato la fama, grazie a vistose appendici in gomma
sulla capoccia e a frasi ricorrenti è Alexander Dane, interpretato dal mai
abbastanza compianto Alan Rickman,
uno degli eroi di questa Bara, qui nella sua migliore interpretazione del
Leonard Nimoy di turno, ma facciamo anche in una delle sue migliori
interpretazioni di sempre. Piton?
Tzè!
Per questo film dovreste tutti amare Alan Rickman altro che!

Non guardava qualcuno così male dai tempi di Ellis.

Nel ruolo della bella di turno, troviamo le bocce strizzate
in una tutina di una Sigourney Weaver più autoironica che mai, la sua Gwen
DeMarco che ha un solo stupidissimo compito a bordo, ovvero quello di ripetere
le frasi del computer, di fatto è la pietra tombale su tutte le ridicole linee
di dialogo pronunciate da Deanna Troi, tutti i suoi «Avverto una certa
ostilità», quando l’altra nave sta lanciando siluri addosso all’Enterprise ha
lo stesso peso dei dialoghi di Gwen, inoltre ogni volta che in una discussione
qualcuno sostiene che Sigourney Weaver è troppo mascolina/magra/ossuta, insomma
non abbastanza bella secondo i canonici classici, voi piazzategli una bella
foto presa da “Galaxy Quest” e mettete su i pop-corn.

Sì, sarà sempre una delle predilette di questa Bara e allora?

Ma anche il resto dei personaggi che popolano la plancia
della (finta) nave spaziale sono stati selezionati con la stessa identica cura:
il Tommy Webber di Daryl Mitchell non riesce ad essere odioso come il suo
modello di riferimento, ovvero Wesley Crusher perché tanto nessun personaggio
dell’immaginario raggiungerà mai tali livelli di insopportabilità.

Tony Shalhoub, invece, ci regala una splendida parodia di
Data, l’androide che vorrebbe essere umano e che parla con una flemma tutta
sua, il film doppiato non perde nulla della sua efficacia, ma se ne avete la
possibilità, godetevi la parlata che Shalhoub si è inventato per il
personaggio, un vero spasso.

Più Data di Data senza bisogno nemmeno del cerone sul volto.

“Galaxy Quest” è il classico film che rivisto oggi, si
gioca un sacco di facce note notevoli (sono sicuro che riconoscerete anche
Rainn Wilson), ma quello che spicca più di tutti è senza ombra di dubbio un
giovane e baffuto Sam Rockwell che nel
1999 non era certo l’attore di oggi, infatti si becca una parte geniale, quella
della comparsa senza (cog)nome che muore nell’episodio sei, l’omaggio a tutte le
“red shirt” lasciate defunte su pianeti ostili da “Star Trek” che qui trova una
voce e tra una crisi isterica e l’altra, anche un ruolo.

Anche il vecchio Sam ha cominciato come “red shirt” di lusso”.

Sì, perché se nel 4:3 del finto telefilm intitolati “Galaxy
Quest” troviamo palesi omaggi a “Star Trek”, l’amorevole sfottò è totale, Tim
Allen che manda a quel paese un fan impegnato a rivolgergli domande “tecniche”
sulla tecnologia nei singoli episodi, sembra ricalcato sulle leggende urbane di
William Shatner alle convention e proprio per questo, il film manda a segno
anche un’azzeccata critica al mondo non proprio scintillante di Hollywood e
della fama in generale.

Ma “Galaxy Quest” funziona su più livelli, infatti non solo
il giovanissimo fan Brandon interpretato da Justin Long ha preso la serie con estrema serietà (ah-ah!), qualcuno ha fatto
anche peggio di lui, ovvero i Thermiani, una razza extraterrestre con indosso un
travestimento da umani che prevede capelli da Vulcaniani, una risata comica e
un modo di applaudire ancora più esilarante, ha di fatto basato tutta la
propria cultura su quelli che loro chiamano “documenti storici” ovvero le
vecchie puntate di “Galaxy Quest” intercettate via etere e scambiate per realtà
assoluta, un po’ come gli alieni teledipendenti di “Explorers” (1985), ma con
un livello di dedizione… Beh, da vero fan.

La tradizione degli alieni teledipendenti è al sicuro con i Thermiani.

 Le trattative tra i
Thermiani e una verdastra razza di alieni decisamente minacciosi (e realizzati
in grandiosi effetti speciali orgogliosamente vecchia scuola da Keith Marbory e
Matt Sweeney), sono andate decisamente male, gli alieni ostili pretendono di
mettere le mani sull’Omega 13, citato in una delle ultime puntate di “Galaxy
Quest” e diventato nel tempo oggetto di leggende presso i fan, ma sta di fatto
che questa sorta di MacGuffin narrativo, sarà la ragione che porterà Jason
Nesmith e tutti i suoi compagni a tornare ad interpretare i ruoli della vita,
questa volta sul serio!

Quando hai il dopo sbronza duro, quello che ti fa vedere le stelle (in tutti i sensi)

Quindi, ricapitolando: abbiamo veri attori che interpretano
finti attori in una finta serie tv, ispirata ad una vera, alle prese con alieni
veri (che però sono finti) e che offrono lo spunto per riflettere sul rapporto
tra gli attori e i loro personaggi, sugli effetti della fama e sulla dedizione
dei fan. Tutto chiaro? Solo a me sembra matto e geniale in parti uguali? Se vi
sembra una frase particolarmente intricata, sappiate che ho solo ripetuto
quello che ha detto il computer.

Dean Parisot fa una scelta cinematografica quasi subliminale,
ma azzeccatissima, cambia formato al film tre volte, come a voler sottolineare
la natura posticcia (o meta cinematografica) di “Galaxy Quest”, che inizia in
4:3 come i vecchi programmi tv, poi adotta un formato 1.85:1 per tutte le parti
ambientate sulle Terra e alla Convention, salvo poi espandersi fino al formato
2.35:1, quanto Tim Allen, portato a bordo della replica della nave spaziale dai
Thermiani, scopre di essere per davvero nello spazio.

Trucchi vecchia scuola ne abbiamo? Va che figata questa meraviglia firmata Stan Winston!

Da qui “Galaxy Quest” non prende più prigionieri e non
abbassa mai un ritmo che è del tutto impeccabile, le battute e le gag si
sprecano e sono diventate tutte di culto per lo zoccolo duro di appassionati di
questo film (lasciatemi l’icona aperta, più avanti ci torneremo), ecco perché
tutti dovrebbero vederlo, perché che voi siate Trekker duri e puri
oppure totali neofiti, amerete questa geniale commedia fatta con parti uguale
di cuore e cervello.

Ogni volta che Tim Allen resta a torso nudo è impossibile
non pensare a William Shatner che sfoggiava il fisico nella serie classica. Per
ogni lamentela di Alan Rickman non si può non pensare al tormentato rapporto
tra Nimoy e il suo Spock, inoltre, “Galaxy Quest” riesce ad ironizzare alla
grande su tutti i momenti classici alla “Star Trek”, ad esempio avete presente
l’enorme quantitativo di enfasi davanti al varo e alla partenza di ogni nuova
versione della USS Enterprise? “Galaxy Quest” scherza anche su questo, grazie
alla difficile manovra di partenza di Tommy Webber che rischia una fiancata
della nave.

Quando dicevo che Sigourney Weaver qui è più ironica che
mai, lo intendevo anche per la scena in cui Gwen e il capitano strisciano nei
condotti, con Sigourney che finisce per esclamare «Condotti perché sono sempre
condotti?». Ogni riferimento a fatti, cose, persone o scene di Alien è puramente voluta.

“Il peggior episodio di sempre” (cit.)

Ma il momento chiave di “Galaxy Quest” è la confessione
sotto tortura del capitano al capo dei Thermiani, nel suo dover confessare di
essere solo un attore, il vecchio equipaggio tira fuori l’orgoglio mettendo in
chiaro che a volte, l’immaginario è l’unica arma che hai per salvarti la vita,
infatti tutti quanti smettono di essere attori ex famosi e si calano completamente
nel loro personaggio, la scena chiave in cui questa immedesimazione si
completa? Non poteva che essere affidata al miglior attore di tutto il cast.

Per tutta la durata del film, Alan Rickman odia,
letteralmente odia la frase tormentone del suo personaggio, continuare per
decenni a ripetere parole senza senso, ma soprattutto continuare a sentirle
pronunciare da fan esagitati alle convention sarebbe troppo per chiunque.
Infatti, Alan Rickman ripete quella baggianata sul martello di Grabthar con la
stessa gioia di un impiegato comunale il lunedì mattina, ma quando la faccenda
si fa seria, quando il coinvolgimento diventa totale, quella stessa identica
frase un po’ cretina, in bocca ad un motivato Alan Rickman raggiunge lo stesso
livello di enfasi dell’Enrico V, raggiunge lo stesso livello di epica che ha
nel cuore dei fan: «Per il martello di Grabthar, per i figli di Worvan… Io ti
prometto che sarai vendicato». Già solo per questa scena, Rickman dovrebbe
essere anche il vostro attore del cuore.

Quando trasformi una frase cretina in pura epica, signore, signori, indimenticabile Alan Rickman.

“Galaxy Quest” è un enorme omaggio alla passione dei
Trekker e più in generale, di tutte le comunità Nerd che nel 1999 non erano
certo popolari come oggi. In quel periodo essere fan voleva dire non essere di
certo popolare, voleva dire doverti andare a procacciare le informazioni
sull’oggetto della tua passione tra giornali, riviste e sulla neonata Internet
che ancora si muoveva giurassica a 56k. Volete farvi un salto indietro nel
tempo? Andate a navigare il vecchio sito dedicato a Galaxy Quest, pura archeologia di Internet.

Justin Long il nerd che è in tutti quanti noi.

Pensateci, qual è il più grande sogno di qualunque vero
appassionato? Poter interagire con i propri beniamini avendo un ruolo chiave
nelle loro avventure. Per questo Justin Long rappresenta un po’ tutti quanti
noi: novello uomo fumetto dei Simpson ha finalmente la prova che no, non ha
sprecato tutte quelle ore della sua vita dietro ad una storiella immaginaria. Per questo “Galaxy Quest” più che essere la rivincita dei Nerd è la loro vera
affermazione, se uscisse ora tanti salterebbero sul carro del vincitore e con
questo approccio post-moderno e malinconico, spaccherebbe in due i botteghini,
ma nel 1999 questo film era qualcosa per pochi, per chi aveva le orecchie (a
punta) per capire e potersi riconoscere. Sì, è il momento di chiudere quell’icona
lasciata aperta lassù, dedicata agli appassionati di “Galaxy Quest”.

Il Fanboys di Star Trek è servito, con dieci comodi anni di anticipo.

Anche se il film ha incassato risate al botteghino, nel
corso degli anni la sua fama di culto è cresciuta, per questo vi consiglio il
bellissimo “Never Surrender: A Galaxy Quest Documentary” (2019), dove oltre a
volti noti come quello di Wil Wheaton che paragona il polpo tatuato sul suo
avanbraccio alla vera forma dei Thermiani, oppure Damon “Cioccolatino” Lindelof
che con negli occhi la stessa nostra luce di appassionati di “Star Trek”,
confessa il suo amore per questo film, per altro, facilmente intuibile visto che
nella sua versione di Star Trek, il
volo senza paracadute di Sulu e Kirk è chiaramente un omaggio al grandioso
salvataggio volante di Tony Shalhoub in questo titolo, vedere per credere.

Meraviglioso vedere come alla convention di Star Trek, ci
sia parecchie gente che si presenta concitata come la Laliari interpretata da
Missi Pyle, come se fosse un personaggio canonico dell’universo creato da Gene
Roddenberry, anche se per certi versi lo è, perché il finale di “Galaxy Quest”,
con la nuova serie che torna finalmente sul piccolo schermo, sembra quasi un
cortocircuito con The Orville che
non sarebbe mai esistito senza il film di Dean Parisot e i suoi quintali di
amore per “Star Trek”.

“Quindi, ora la nuova serie di Galaxy Quest si chiama The Orville, ho capito bene?”

Ogni tanto si parla di una serie tv dedicata a “Galaxy Quest”,
non so se avrebbe davvero senso (non con “The Orville” in circolazione almeno),
di sicuro l’omaggio a “Star Trek” e a noi appassionati dell’immaginario non
poteva essere più riuscito con questo film, di cui vi ricordo anche l’esaltante
post Zinefilo. Vogliamo omaggiarlo
come merita? Classido!

Direi che ora sì, questo è il finale giusto per questa lunga
maratona Trekker che si è seduta al posto di comando di questa Bara Volante per
tutti questi mesi, ora che abbiamo chiuso il cerchio con “Galaxy Quest”, il
viaggio quinquennale può dirsi davvero completo. Fino alla prossima serie di
“Star Trek”, fino al prossimo strano, nuovo mondo da esplorare a tutti quanti
voi auguro lunga vita e prosperità anzi meglio: mai darsi per vinti… mai
arrendersi!

[Cassidy batte le mani
come un Thermiani mentre scompare del raggio del teletrasporto]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Gli intrighi del potere – Nixon (1995): la storia di Tricky Dicky secondo Oliver Stone

    Oggi affrontiamo il titolo che per certi versi da solo, ha confermato una delle etichette appioppate al titolare della rubrica, quindi senza ulteriori indugi, benvenuti al nuovo capitolo della rubrica… [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing