Home » Recensioni » Game of Thrones: Episodio 5×05 – Kill the Boy

Game of Thrones: Episodio 5×05 – Kill the Boy

Siamo arrivati
esattamente a metà della quinta stagione di “Giocotrono”, se vi siete persi
qualcosa trovate tutto riassunto con dovizia di dettagli QUI. Ora, direi di iniziare
a parlare della nuova puntata che si intitola “Kill Bill” ehm, no… “Kill the
Boy”. Let’s Go!

Verme Grigio è
ancora steso in un letto di ospedale dopo la sua battaglia contro gli 88
Folli
uomini dell’Arpia, a vegliare su di lui la sempre più ingrifata
schiava Google Translator. Già negli episodi precedenti la ragazza aveva
mostrato qualche dubbio sugli Immacolati e malgrado parli correntemente 873
lingue e relativi dialetti, ancora non ha afferrato il concetto di “Eunuco”
alla base degli imbattibili (si fa per dire) guerrieri della Regina. Infatti,
quando Verme Grigio si gioca la carta della confessione (“Se fossi morto, non
ti avrei mai più rivista”) la bella “Dizionaria” si scioglie in urletti da
groupie come farebbe una qualunque fan degli One Direction…
Nello stesso
momento, Shakira Targaryen piange la morte di Lord Babbo Natale Barristan,
caduto nell’adempimento del proprio dovere come il fiero alleato Galeazzo Musolesi
delle strisce di “Sturmtruppen”.


Il fiero alleato Lord Babbo Natale Barristan, tumulato dentro la giostra degli Egizi di Gardaland.

La Khaleesi
dei Dothraki, Regina di Mee(eeeeeeeeee)rine, Madre dei Draghi, Cugina degli
struzzi, nipote del bastone, che picchiò il cane che morse il gatto che si
mangiò il topo che al mercato mio padre comprò (Fiiiuuuuu!) è disperata perché aveva
già scritto la letterina per Babbo Natale, chi le porterà il Dolce Forno
quest’anno? In cerca di vendetta, fa radunare tutti i Capi della famiglie di
Mee(eeeeeeee)rine e, per convincerli a consegnare i ribelli dell’Arpia, li porta
dai suoi due draghi incatenati nello scantinato.

La nostra Shakira
ormai non azzecca più una pista nemmeno per errore, prima si lamenta se uno dei
suoi Draghi fa uno spuntino sgranocchiandosi un piccolo bambino e poi dà
direttamente dei prigionieri in pasto ai suoi squamosi figlioli. Incasinandogli
completamente l’educazione, proprio ora che avevano appena imparato a fare la
pipì fuori casa e a non salire sul letto in sua assenza…
Poiché non ha
più idea su a chi chiedere consigli, alla fine segue la parole della Schiava
Google Translator che ancora in preda ad una tempesta ormonale dopo la
confessione di Verme Grigio, le consiglia di sposare Simon Le Bon uno
dei capi famiglia di Mee(eeeeeee)rine, in modo da conquistare la fiducia del
popolo. Così i capi famiglia passano dal serio pericolo di essere cotti
alla griglia e divorati da due draghi giganti, a ritrovarsi in luna di Miele
con la Targaryen, a proposito di lanciare messaggi contraddittori…


“Mamma! Li portiamo noi gli anelli all’altare!”.
Nel frattempo
su a Pontida, il Premier dei Guardiani della Notte, Jon Snow, riceve la visita
di Nonno Amon Targaryen. L’anziano cieco invita il giovane Leader a prendere
una decisione sui Bruti, è il momento per lui di “uccidere il ragazzo” (così
abbiamo spiegato anche il titolo dell’episodio) e di diventare un uomo, inoltre
è anche il momento di smetterla di fare il pirla con lo scooter tutto il
pomeriggio, consumando i soldi della paghetta in miscela, sarebbe anche il momento
di finirla con ‘sti vestiti neri da EMO, di tagliarti i capelli, di mettere la
testa a posto, di mettersi sotto con gli studi, laurearsi e trovarsi un bel
lavoro da Dottore, che io alla tua età già mi svegliavo la mattina alle 5
per andare a zappare la terra…
Mentre Jon
Snow lascia la stanza, l’anziano Guardiano della notte ha già ricominciato a
raccontare di quando andava a scuola nella neve, 22Km a piedi senza scarpe
portandosi i libri in spalla…
Per non
sentire più i suoi sproloqui, Snow cerca un accordo con il leader dei Bruti,
che inizialmente si fa beffe di lui dandogli del terrone, altro che uomo del
Nord! Io sono più del Nord di te!


“Io avrò pure fatto il remake scemo de ‘La Cosa’ ma tu hai fatto il film più moscio della filmografia di Paul W. S. Anderson”.
Alla fine Jon
Snow è costretto a giocarsi l’ultima carta: “Ma tu, caro il mio bel barbuto, non
sei mica quello che recitava in quella porcheria di remake de ‘La Cosa’ per
caso?”. Il barbuto Bruto cala quindi le arie, ma solo ad una condizione: sarà
Jon Snow in persona a parlare con i Bruti, spiegandogli che ora sono “Best
Friend Forever” con i Guardini della notte e poi, soprattutto, che questa nuova
alleanza NON la chiameremo “Lega Nord”, quello te lo puoi proprio scordare!
Intanto, a
Nord, ma un po’ meno Nord del Nord della Barriera, la strana coppia composta da
Brienne la spilungona di Tarth e Pond, il trapano di Approdo del Re, ammirano
ciò che resta di Grande Inverno che ormai casca a pezzi come il soffitto di una
scuola superiore italiana. Il loro piano per liberare Sansa Stark è
inattaccabile: chiedere ad un anziano passante, incontrato per puro caso, di
introdursi alla corte dei Bolton per portare un messaggio alla Stark
superstite. Un piano micidiale, a prova di bomba, funzionerà sicuramente! Fortunatamente
la regia cambia scena, lasciando Brienne e Pond nel loro imbarazzo…


L’uomo che salverà il Soldato Sansa, come non fidarsi di una papalina del genere.
A questo punto
si sveglia un dirigente della HBO, si sistema il nodo della cravatta, i polsini
della camicia e poi grida fortissimo: “Ma mettici due culi in sta puntata!!”,
detto fatto. Facciamo la conoscenza di una donna nuda che risponde al nome di
Myranda, nome scelto dal dirigente HBO in onore di tante commedie italiane scollacciate degli anni ’70. La ragazza è la “Friend with benefits” di quell’ex
Bastardo di nome (ma non di fatto) di Gordon Ramsay Bolton, i “benefits” del
loro rapporto sarebbero che sono entrambi matti come cavalli e che la ragazza
ama farsi pestare dallo psicopatico ragazzo. Insomma, una bella coppia di
toccati, uniti dalla passione per dialogare sui massimi sistemi stando a culo
nudo davanti alla finestra, bah! Contenti voi…


Parte un coro di esultanza dalla curva dei dirigenti della HBO.
Grazie ad un
assist di Myranda, Sansa Stark decide di farsi un giro nel canile di Gran
Inverno, la sua idea è quella di adottare un cucciolo di Bulldog Francese per
allietare le sue giornate solitarie. Il problema è il traffico dei cuccioli di
razza è in mano ai popoli dell’Est, quindi in canile l’unico quadrupede
disponibile al momento è… Reek. La sorella di Ivan Drago, riconosce subito in
quel disgraziato maleodorante l’ex Theon Greyjoy, ma a togliere ogni dubbio ci
pensa come al solito quel gran Trollone di Gordon Ramsay Bolton.
A cena
costringe Reek a servire a tavola, cazziandolo ogni volta che non posiziona le
posate nell’ordine sbagliato per gli ospiti, per poi obbligarlo a chiedere
scusa a Sansa “Drago” Stark per tutte le sue colpe. Ecco, qui mi sono un
attimino distratto dagli interessantissimi (si fa per dire) dialoghi, perché
uno dei miei cani ha iniziato a ringhiare contro il Bastardo dei Bolton (storia
vera, giuro!). Evidentemente, il mio cane ha capito che il Bolton non è proprio
un gran amico degli animali e mentre sono impegnato a cercare di sedare la
furia omicida di quella disgraziata assassina che mi ritrovo come cane, il
Bolton si becca un clamoroso schiaffone morale: i suoi genitori aspettano un
figlio, uno biologico, non un bastardo come lui. Su questa notizia Sansa se la
ghigna di gusto, mentre Gordon Ramsay Bolton mette su il muso lungo e si
ciuccia il ditone come il Principe Giovanni.


…poi diventa mammone, e si succhia il ditone, Ramsay Bolton re fasullo di Gran Inverno!
In compenso
Mr. Bolton Senior, lo chiama a rapporto per mostrargli i piani di attacco di
Stannis Baratheon, ormai lo hanno capito tutti che l’aspirante Re punterà
dritto su Grande Inverno con il suo esercito e per spiegare al figlio che presto
dovranno affrontare un assedio, inizia a muovere le pedine, disposte sopra il
plastico di Bruno Vespa.
La porzione
dedicata all’inutile Sam che parla di… La sua tessera della biblioteca, o robe
del genere, non la commento nemmeno. Ormai Sam ha soppiantato Jon Snow nel
ruolo del personaggio che quando compare sulla schermo, dà il semaforo verde
agli spettatori per andare in bagno, tanto state sicuri che finché c’è lui
sullo schermo, non succederà nulla di significativo.
Per effetto
del plastico di Bruno Vespa Bolton, Stannis decide di muovere il suo esercito
in direzione di Grande Inverno, portandosi dietro la scazzata moglie e la
figliola-Lucertola, anche perché non si fida di lasciarle in compagnia dei Guardiani
della Notte, noti assassini, stupratori e ladri di autoradio. L’unica cosa che
ci tengo davvero a sottolineare sono le facce che la donna rossa Melissandre,
dedica a Jon Snow. Non dice una parola, ma ancora stizzita dal due di picche
che si è beccata nella scorsa puntata, lo guarda come a voler dire
“…icchione!”.


Tzè! …Icchione!
Il finale di
questa interessantissima puntata (se non fosse stato per il mio cane che voleva
sbranarsi il Bolton ero seriamente a rischio “Calamento della palpebra”) è
tutto dedicato a Tyrion e Lord Mormont, due uomini in barca. Il folletto
riflette sul fatto che sono quasi 12 minuti che il nerboruto omaccione non gli fa
assaporare le nocche sulla faccia. Siccome Lord Mormont ha dimenticato il
navigatore a casa e non vuole mai fermarsi a chiedere informazioni ai passanti
la strana coppia non ha idea di dove siano finiti. Lo scenario che si trovano ad
attraversare è tetro, umido, avvolto da un’aria malsana, inquinata dai fuochi
mai spenti per davvero che bruciano in lontananza. Il posto è talmente orribile
che non ci sono dubbi: sono sicuramente arrivati a Mestre.


Saluti Da Mestre, tornate a trovarci presto!
Non fanno in
tempo a realizzare che invece si trovano dove un tempo sorgeva la mitica
Valyria, che sulle loro capocce passa svolazzando Drogon, il drago cazzuto di
Shakira Targaryen, che gira di notte con le anime perse e della famiglia lui è
il ribelle (eeeeeh El Drogon!).
Mentre sono
con il naso ancora puntato all’insù, facendo considerazioni sulla CG migliorata
(un po’) della serie, i due improbabili marinaretti vengono aggrediti da un
gruppo di Zombie in fuga da The Walking Dead!
In realtà, si
tratta di alcuni reietti, affetti dal letale e super infettivo Morbo Grigio.
Tyrion ancora legato si difende come può, ma non riesce a raggiungere il
portafoglio per staccare un assegno agli appestati per recarsi alle più
vicine terme, per un bel trattamento viso-corpo.
Nella
battaglia uno degli aggressori lo afferra e lo trascina a fondo… Quando si
risveglia vede il faccione di Lord Mormont e avverte un leggero malessere. Ci
credo, provate voi a svegliarvi e trovarvi quello sfigato davanti agli occhi!


Peter “Più grande attore del mondo” Dinklage in: L’uomo di Atlantide, prossimamente sugli schermi HBO.
In ogni caso,
Tyrion è stranito perché per la prima volta in vita sua, ha ingoiato
quantitativi abbondanti di uno strano liquido trasparente NON alcolico. Mormont
gli spiega che si tratta di acqua e per il folletto è una totale novità scoprire
che ogni tanto si possa bere qualcosa di diverso dal vino rosso. Ma vogliamo non
concludere con un Cliffhanger anche questo episodio? Lord Mormont, si scopre un
polso e con orrore trova un segno del Morbo Grigio sul suo braccio. Ti è andata
bene ragazzone, se ci fosse stato Rick Grimes nelle vicinanze ora ti
ritroveresti con una mano sola per remare fino all’episodio della prossima
settimana…
In questo
episodio, nessuna manovra di palazzo, niente Cersei Trentasei e i suoi problemi
con nuora e figlio, possiamo dire che è già iniziata l’attesa per l’episodio
numero 9 della stagione, quello in cui storicamente succedono tutti i casini
grossi (vedere il vocabolario alla voce: Mortiammazzati). Noi, invece, ci vediamo
la prossima settimana con una nuova puntata di “Giocotrono”!
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Yellowjackets – Stagione 2 (2023): hanno sfornato un remake di “Alive” senza avvisare nessuno

    Qui alla Bara Volante, quando si raggiunge la metà della settimana, l’augurio di buona giornata ufficiale è sempre lo stesso: buon Christina Ricci! Quindi, quale modo migliore per certificare il [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing