Home » Recensioni » Humane (2024): gloria e vita alla nuova Cronenberg

Humane (2024): gloria e vita alla nuova Cronenberg

«Io sono figlio di un cantautore che sembra felice, poi cambia umore. In un anno l’avrò visto un paio d’ore. Una volta ha detto anche il mio nome alla televisione» (cit.) ed ora, moltiplicate il pezzo di Caparezza per una seconda genita, di nome Caitlin e di cognome Cronenberg.

Facciamo i calcoli, se papà David è il mio secondo Canadese preferito, suo figlio Brandon dovrebbe essere il terzo e Caitlin la quarta, oppure la prima per motivi di cavalleria? Mentre risolvete il rebus, io vi dico che il suo esordio alla regia mi ha fatto anche ridere, a patto di avere il tipo di umorismo nerissimo che poi ti porta a lanciare in orbita un sito chiamato la Bara Volante, nel dubbio io vorrei essere una mosca (occhiolino-occhiolino) per assistere ad una normale cena a casa Cronenberg, così, per capire di cosa chiacchierano tra di loro quando si incontrano.

«Ora come secondi verrà servita la nuova carne»

“Humane” parla di un pianeta ad un passo dalla catastrofe ecologica, per uscire di casa conviene coprirsi molto bene per non venire cotto a puntino dal surriscaldamento globale, che poi è il nome giusto del “Cambiamento climatico”, espressione nata per farci preoccupare di meno, quello che a Caitlin Cronenberg non interessa. Alla regista piuttosto sta molto a cuore farci ridere, per poi farci giungere alla conclusione più logica, ovvero che con la natura umana di mezzo, c’è proprio poco da ridere.

Per provare a risolvere o almeno ad arginare il problema, i governi del mondo si accordano per una riduzione del 20% della popolazione globale, da definire in maniera autonoma, e quasi vorrei uno spin-off localizzato in uno strambo Paese a forma di scarpa, solo per godermi il potenziale satirico dell’opera.

Per istinto e sapendo che “Humane” è stato girato nell’Ontario, viene da pensare che la storia sia ambientata in Canada, ma il film non lo specifica, potrebbe essere qualunque Paese anglofono del globo, in cui alla procedura di suicidio assistito si partecipa su base volontaria. L’incentivo? Oltre alla martellante pubblicità, un certo quantitativo di denaro, a ben guardare nemmeno esagerato, da lasciare alla famiglia del dipartito che ovviamente, fa più gola alle fasce povere della popolazione, quelle di cui non fanno per forza parte gli York, anzi, tutt’altro.

Giovani, ricchissimi e stronzi come pochi sulla Terra.

Quattro figli grandi e uno più odioso dell’altro, per due genitori abbastanza in vista, papà un giornalista televisivo in pensione e la nuova matrigna, una chef televisiva giapponese piuttosto quotata, insomma una famiglia già in rotta, radunati per una cena, dove riceveranno la notizia: i due genitori in vista, hanno deciso di dare il buon esempio offrendosi come volontari.

Panico! “Humane” diventerà presto un gioco al massacro, una parabola discendente verso la tragedia, raccontata con un piglio del tutto diverso dal padre e dal fratello, che invece continua a provare ad abbracciare in tutto e per tutto il registro stilistico di papà. Caitlin Cronenberg dalla filmografia del genitore, pesca essenzialmente solo Jay Baruchel, che può dire di essere stato diretto da due Cronenberg nella stessa carriera, non sono in tanti a potersi vantare di questo primato.

Ti manca solo Brandon, poi avrai fatto filotto Jay!

Cronenberg costruisce un mondo molto interessate, in cui tra i dialoghi sempre ad un passo dalla commedia (nera) satirica, fanno capolino dettagli spesso sconvolgenti, con la vita che tutto sommato prosegue, tra chi divorzia e di dichiara battaglia legale per l’affidamento dei figli, chi lavora e chi va a scuola, mentre il pianeta è al collasso e la società, sembra aver dato il via libera alla decadenza.

Ad una prima occhiata questo massacro tra fratelli potrebbe ricordare un po’ Succession e un po’ gli Usher di Mike Flanagan, ma in questa lotta per la sopravvivenza, con almeno un paio di scene piuttosto grafiche – non li sentite? Sono i critici stipendiati che già parlano di “Body Horror” solo sulla base del cognome della regista – a tenere banco è una satira sui privilegi, sulle dinamiche all’interno della famiglia e sulla spersonalizzazione che si ottiene quando si affidano temi chiave della vita delle persone a governi e aziende che ragionano in termini di fatturato o di voti, il tutto senza dimenticare quell’unità di intenti (anche registica) che viene fuori quando metti tanta umanità nello stesso posto, poi aspetti che i loro esponenti comincino a massacrarsi di loro.

“Humane” è un film bello dritto, molto parlato, che porta avanti le tematiche della famiglia (intesa anche come Cronenberg) più nella storia che nello stile, Caitlin Cronenberg non ci prova davvero mai a scimmiottare papà, il che secondo me è un gran bene, perché così facendo al suo esordio ha trovato la sua strada, coerente ma diversa.

Con lei siamo a tre Cronenberg, olé!

Sì perché la sensazione è che papà è il primogenito, abbiano la tendenza a cercare metafore destinate ad ergersi come profezie, specialmente il capo famiglia, che dalla sua ha anche il tempo di una lunga carriera piena di sbirciate al futuro. Caitlin Cronenberg invece, con il suo film d’esordio, ci porta in un mondo ad una spanna dal nostro, quasi del tutto sovrapponibili, andando dritta per dritta la regista sembra volerci dire che non abbiamo più tempo, ci siamo già dentro quel futuro che dista un paio di calendari dal nostro presente, se pensiamo di non essere già coinvolti, barricati nel castello dorato noto come privilegio, protetti dal fossato di un enorme conto in banca, mi sa che non abbiamo capito niente, per fortuna c’è sempre Cronenberg a ricordarci i fatti, solo che questa volta non è il solito Cronenberg a cui siamo abituati da anni, ma una tutta nuova.

Quindi se mi stava benissimo avere due Cronenberg impegnati a portare avanti la tradizone di famiglia, figuriamoci quanto io possa essere felice ad averne ben tre di, anche in grado di firmare film d’esordio così. Gloria e vita alla nuova Cronenberg!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Sarà questa la Cronenberg capace di farmi far pace con il cinema dei Cronenberg che mi affascina ma mi respinge allo stesso modo, molto spesso?
    Non resta che scoprirlo, intanto me lo segno, grazie 🙂

    • Potrebbe, perché è la Cronenberg più diversamente Cronenberg della famiglia. Figurati, sono qui per questo 😉 Cheers

  2. Uno spin-off nel nostro (strambo) paese? Si potrebbe fare eccome: pensiamo a un sistema che, periodicamente, lasci un venti per cento della popolazione senza la minima assistenza sanitaria, manipolando l’opinione pubblica in modo da far credere che quel venti per cento rappresenti un peso non più sostenibile da una società a corto di risorse e che, di conseguenza, sia consigliabile toglierlo di mezzo per poterle ottimizzare (le risorse)… Anche se questa, a dire il vero, più che distopia prossima mi sembra già cronaca attuale.
    Comunque, qui si dimostra una volta di più quanto la famiglia Cronenberg meriti di essere sempre tenuta d’occhio attentamente 😉

    • Si scrive da solo, purtroppo oserei dire visto che mi ricorda molto qualcosa la tua descrizione. Cheers!

  3. Ma Cameron nella tua classifica canadese dove si posiziona?

    • Cameron è oltre. Cheers!

  4. Mi fermo nel leggere perché devo correre a vedermi questo film: la nuova rampolla di casa Cronenberg va studiata per bene ^_^
    Ma le altre C? Cameron, Carpenter, Craven…? Come stiamo a figlianza? Mi sa che solo Cronenberg ha la buona genia 😛

    • I figliocci di Carpenter suonano, quindi comunque l’arte gira in famiglia. Jonathan Craven invece si è un poi perso, faceva cose con papà prima ora, boh! Cheers

  5. Sento solo la botta di vecchiessa… Mentre il padre viene demolito come ormai bollito a Cannes, esordisce una bimba che ricordo appena nata, in contemporanea con le scene da “Il Padrino Parte 1” del matrimonio della rampolla Eminem. Mamma mia il tempo che scorre.

    • A Cannes il gioco è farsi fighi fischiando però sì, non sono gli anni ma i chilometri. Ma anche gli anni a volte hanno il loro peso. Cheers!

  6. Sono convinto che una delle principali cause dei problemi nel mondo sia la sovrappopolazione, ma per risolvere la situazione penserei piuttosto a un controllo delle nascite che a spingere la gente al suicidio… 😁
    La questione della sovrappopolazione è stata affrontata in molte opere, possiamo risalire al 1973 con “2022: i sopravvissuti” (il romanzo da cui è tratto è del ’66, ma lì il problema non viene affrontato in modo diretto), quando eravamo la metà di adesso, ma già a inizio 1800 c’era chi si interrogava sulla sovrappopolazione futura, quando al mondo erano in quattro gatti (non si superava il miliardo).
    In particolare ricordo il romanzo “Pace Eterna”, di Joe Haldeman se non sbaglio, in cui degli astronauti che avevano passato decenni o secoli, non ricordo, in viaggio a velocità relativistica, tornavano sulla Terra trovando che si era diffuso un metodo originale di controllo delle nascite: propaganda a favore dell’omosessualità! 😄

    • Occhio che qualche paranoico fanatico del “nuovo ordine mondiale” potrebbe prendere molto sul serio i tuoi riferimenti, ed ora che l’ho scritto, forse li ho attirati! Arrgh 😉 Cheers

  7. Che sia aver direttamente e degnamente ereditato il talento di cotanto padre, o aver imparato e messo a dovere da parte l’arte…bene, anzi benissimo cosi’.
    Si può’ immaginare quanto possa essere ingombrante l’ombra lunga di un genitore, specie se di notevole spicco.
    Ma i rampolli di casa Cronenberg non si fanno intimorire dalla sfida.
    Avanti cosi’.
    Forse il figlio gli e’ piu’ affine per visioni, ma potrebbe essere una questione di differente sensibilita’ e percezione.
    Insomma, un Cronenberg tutto al femminile potrebbe riservare parecchie sorprese.

    • Mi sta bene che l’azienda di famiglia si in buone mani, considerando che il nuovo film di papà è all’orizzonte 😉 Cheers

  8. Carabara, un Marvel Zombie/True Believer come te avrà sicuramente notato la citaz del Thanos di Starlin e del suo opinabile sistema x aggiustare l’universo. Ti confesso che la prima idea di Caitlin e dei suoi collaboratori atterrava altrove, ma sarebbe “costata un botto” , come direbbe Crepascolino, e abbiamo dovuto cassarla, a malincuore.
    Siccome per te La Mosca è sia un lavoro di Dave Cronenberg sia un effimero avversario di Spider-Man dei seventies, tento x te una sintesi di come doveva essere Humane, prima di cominciare a parlare di quante palanche sarebbe costato: uno scienziato geniale, ma convinto di avere un gemello che gli parla dallo specchio, è convinto che accelerare il cambiamento climatico permetterà l’emersione di un essere umano in grado di convivere con temperature estreme, cancellando nel contempo le strade senza uscita. La sopravvivenza del più adatto, come insegna Darwin. Riesce a farsi assegnare ad un progetto sperimentale x correggere l’effetto serra, ma lo sabota dall’interno, portando il globo a temperature infernali. Il suo homo novus assomiglia ai para-demoni di Darkseid, con le ali da insetto, ma in qualche modo ricorda un mondo di piattaforme ripiene di programmi e mutui da accendere e cerca di replicarlo quasi in una parodia dei Flintstones. Io non sono tanto curioso di sapere di cosa parlano i Cronenbergs a tavola quanto di cosa mangiano…ciao ciao

    • Specialmente se ne parlano a tavola dici tu, beh ha anche senso 😉 Considerando il vecchio villain del ragnetto (ma non dovrebbe essere il ragno il cattivo della mosca?) concordo con i botti di Crepascolino, ma sarebeb stato spettacolare! Cheers

Film del Giorno

Bad Boys – Ride or Die (2024): ridateci il BAYHEM, grazie

Perché un altro Bad Boys? Può sembrare una domanda semplice ed in effetti lo è, piuttosto è la risposta ad essere strutturata, iniziamo dall’anno di uscita, questo 2024 che ha [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing