Home » Recensioni » Inside Job (2022): non ci credo è un complotto!

Inside Job (2022): non ci credo è un complotto!

Passata un po’ inosservata sul paginone di Netflix (un
complotto per insabbiarla?), qualche sera fa con la Wing-woman ci siamo sparati
“Inside Job”, che ad una prima occhiata distratta potrebbe passare per un Rick & Morty molto meno geniale, ma
in realtà ha parecchi assi nella manica.

Creata dalla scrittrice ed animatrice Shion Takeuchi, una
che si è fatta le ossa su “Gravity Falls”, la serie ci porta negli uffici della
Cognito Inc. (che al contrario diventa Inc.Cognito, un caso? Non credo
proprio), un posticino che per certi versi ricorda come posto di lavoro quello
di “Quella casa nel bosco” (2012), dove gli impiegati gestiscono ogni giorno i
complotti mondiali come voi ed io il normale carico di lavoro quotidiano.

Perché la premessa di “Inside Job” è proprio questa: i
complotti esistono e sono tutti reali, la terra non è piatta ma cava, i
rettiliani vivono tra noi, lo sbarco sulla Luna è stato girato da Stanley
Kubrick (sì ma solo il ritorno, il vero Buzz Aldrich vive ancora lassù come un
monarca) e via dicendo, insomma per la gioia di molti cinquantenni sul
Faccialibro «Non ce lo diconooooooo!!!!!1!!!» ed è proprio la Cognito Inc. a
vegliare sullo status quo.

Donne amazzoni sulla Luna (cit.)

La protagonista è un’aspirante scienziata pazza di nome Reagan
Ridley (voce originale di Lizzy Caplan) figlia di Randall “Rand”
Ridley (doppiato da Christian Slater), cacciato fuori dall’azienda perché matto
come un cavallo e titolare di fin troppi segreti, con una faida aperta con
l’attuale direttore della compagnia J.R. Scheimpough (Andy Daly).

A dare colore ci pensano i personaggi di contorno, l’addetta
alle pubbliche relazioni e al controllo dei messaggi subliminali Gigi Thompson
(Tisha Campbell), il chimico dedito alle maggiori droghe chimice Andre Lee
(Bobby Lee), continuando con Glenn Dolphman (John DiMaggio) un ibrido
umano-delfino creato dall’esercito oppure Magic Myc (Brett Gelman) un
laidissimo fungo umanoide armato di sarcasmo e effetti lisergici a lungo
termine, insomma una discreta banda di gatti senza collare a cui si aggiunge
Brett Hand (Clark Duke) un belloccio yes-man con poco carisma, quindi destinato a
fare molta strada in azienda, non è sempre così?

Sembra una super criminale ma è la protagonista (che si comporta da super criminale)

“Inside Job” è composta da diciotto episodi uno meglio dell’altro, in cui ci si prende gioco dei presidenti Yankee
robot e dell’omicidio di JFK (come nei primi due episodi), oppure bisogna fare
i conti con le difficili relazioni diplomatiche con i Rettliani (terzo
episodio).

Oppure come il quarto episodio, in cui Reagan per provare ai
colleghi di poter avere una relazione, finisce per averne una con un robot
costruito per allenarsi ad uscire con i ragazzi. Anche se uno degli episodi che
ho preferito è stato il quinto (“Brettfast Club”), con una cittadina bloccata
negli anni ’80 da un gas sperimentale cancellatore di memoria, che risulta
essere un’ottima staffilata alla retro-mania a tutti i costi che ormai avvolge
il mondo da fin troppo tempo.

Reti di rettiliani, andirivieni d’alieni. Velivoli di veleni, tutti in cerca di ripari (cit.)

Tra powerloader, parodie di 007 e amorevoli sfottò a Buzz Aldrich, questa
serie è un vero spasso, ogni puntata è piena di satira e gustose citazioni alla
cultura popolare, uno degli ultimi episodi ad esempio, è un viaggio nella mente e nei ricordi della
protagonista alla ricerca di una password dimenticata ma fondamentale, rasenta
momenti di vero genio, insomma è un complotto che questa serie non sia ancora
popolare come merita, oppure che stia stata cancellata dopo una sola stagione. Un complotto oppure è la Cognito Inc. in azione?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Gli intrighi del potere – Nixon (1995): la storia di Tricky Dicky secondo Oliver Stone

    Oggi affrontiamo il titolo che per certi versi da solo, ha confermato una delle etichette appioppate al titolare della rubrica, quindi senza ulteriori indugi, benvenuti al nuovo capitolo della rubrica… [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing