Home » Recensioni » Krampus – Natale non è sempre Natale (2016): A volte è Pasqua

Krampus – Natale non è sempre Natale (2016): A volte è Pasqua

Non so voi, ma
io quando vedo i numeretti in rosso sul calendario, quelli che indicano le
feste comandate, inizio a farmi prendere dal panico, per quanto mi riguarda le
feste in famiglia sono la cosa più horror che possa capitare.

Avete presente
quella fossa dei gladiatori fatta di cibo e chiacchiere, ore a tavola tra
parenti urlanti (“Mangiaaaaa!! Sei sciupatoooooo!”) e l’orologio che non va mai
avanti, la mia idea di inferno, con tutto che mi piace mangiare e ultimamente
ho pure riscoperto il Natale, verso dicembre mi sale l’ansia.
Un altro che
evidentemente non ama le feste in famiglia è sicuramente Michael Dougherty, uno
che purtroppo era da un pezzo che non si vedeva, già regista di quella bomba di
“Trick ‘r Treat” (2008), uno dei migliori film di Halloween dai tempi di, beh… Halloween. Che citava gioiosamente
“Creepshow” raccontando quattro storie connesse tra di loro da inserti a
cartoni animati, se non lo avete visto sapete cosa recuperare.
Michael
Dougherty è stato anche lo sceneggiatore di fiducia di Bryan Singer, ha scritto
per lui “X-Men 2” e “Superman Returns” e sarà tra gli sceneggiatori del
prossimo X-film in uscita “X-Men: Apocalypse”, per fortuna nel frattempo ha
avuto modo di dire la sua anche sulle feste natalizie.
Tre giorni
prima di Natale, la famiglia del giovane Max è costretta ad affrontare un
assedio da parte di creature orrende: i parenti!



“Stanno arrivando i parenti, se conosci una preghiera questo è il momento di recitarla…”.
La zia Linda (Allison
Tolman, vista nella prima stagione di Fargo) si presenta con cane, figlio
piccolo, avvinazzata Zia Dorothy e tutto il resto della compagnia a casa, la
convivenza tende all’impossibile andante, mamma Sarah (Toni Collette, sempre un
piacere rivederla) con la sua cucina raffinata fa un po’ a cazzotti con il
parentado, specialmente con il marito della sorella, Repubblicano del peggior
calibro fissato con il calibro delle sue armi.
Bullizzato
dalla mascoline (appena appena) cuginette, Max volta le spalle alla sua fede
nel Natale stracciando la letterina, attirando le su di sè e sulla sua
famiglia le attenzioni del Krampus, che non è una roba che ti viene se vai a
correre senza fare stretching, ma una versione maligna e cornuta del santo
preferito dalla Coca Cola, figlio della tradizione tedesca e aiutato da un
sfilza di assistenti, a loro volta figli di non vi dico cosa perché sono un
signore (o almeno ci provo).



Sono l’unico che sta pensando a Calvin & Hobbes in questo momento?
Ad aggiungere
un po’ di guacamole alla faccenda, ci pensa la distribuzione italiana che
prende un film natalizio, uscito in patria poco prima di Natale (pensa che
fessi ‘sti yankee!) e lo fa uscire quasi a Pasqua, però piazzandoci un inutile
sottotitolo (“Krampus – Natale non è sempre Natale”) che ti fa venire voglia di
spaccargli l’uovo di Pasqua in testa. Per fortuna, visto a Natale, Pasqua o Ferragosto, “Krampus” resta un bel film, ma soprattutto una gradita sorpresa.



La cosa
gagliarda di “Krampus” è che inizia come una commedia natalizia per tutti,
fatta di parenti (serpenti) fastidiosi e situazioni in cui tutti ci possiamo riconoscere,
anche quando l’elemento horror fa capolino, mostri e creature restano sempre in
lontananza, per un’altra buona porzione, diventa uno strambo film di assedio
in cui persone guardano fuori dalla finestra, o si aggirano tra la neve
trovando segni di zoccoli ed Hummer devastati.



“Ho appena rivalutato il coniglietto pasquale”.
Sembra un po’ una
scelta narrativa imposta dalla produzione per rendere il film “vendibile” nel
periodo più freddo climaticamente, ma più caldo per le uscite cinematografiche
(dicembre), la cosa positiva è che tutto questo fa di “Krampus” un riuscito
film horror, che può essere visto e goduto anche da chi normalmente non guarda pellicole di questo genere.
Dico riuscito
film horror, perché nell’ultima mezz’ora, “Krampus” esplode in tutta la sua
potenza, trasportando Max e la sua famiglia in un inferno dantesco, anzi, Joe
Dantesco!



Così ci pensi due volte prima di rubare la scena all’orco Shrek.
Il Krampus del
titolo è il personaggio meno interessante del mazzo alla fine, a tener banco
sono i suoi pestiferi aiutanti, uno meglio dell’altro a livello di design, per
altro realizzati con un’efficace combinazione di CGI ed effetti speciali
tradizionali.
Gli omini di
marzapane, o omini focaccini in CGI, chiamateli come volete, portano in scena
una battaglia in cucina che non raggiunge i livelli (mitici!) di quella di “Gremlins”,
ma resta comunque riuscitissima e spassosa, a fare il vuoto sono le altre
creature che tengono sotto assedio la famiglia.
Non voglio
rivelarmi troppo, perché il design, i luoghi da cui cicciano fuori e il modo
in cui vengono (in qualche caso) sconfitti, sono la vera forza di questo film,
dico solo che il mio preferito è un “Jack in the box” che non si dimentica, in
ogni caso chiunque abbia disegnato le bocche di queste fantastiche creature si
meriterebbe un premio, perché risultano davvero spaventose: ottimo
lavoro!



Se sei felice e tu lo sai batti le mani!
Ho trovato gli
effetti speciali perfetti, perché non stonano con il tono da commedia della
prima metà del film, ma funzionano alla grande nella seconda parte, quella
smaccatamente horror ed essendo così “pupazzosi” ricordano davvero gli
addobbi che si vedono in giro durante il periodo di Natale, ad esempio, non so
voi, io ho sempre trovati inquietanti i Babbi Natale appesi ai balconi, ma
sono sicuro che anche voi avete qualche addobbo di Natale che preferite
lasciate al fondo dello scatolone, piuttosto che metterlo sull’albero.



“Mi presento, son l’orsetto ricchione, e come avrai intuito…” (Cit.)
Insomma, “Krampus”
è una riuscitissima e Joe Dantesca sorpresa, che funziona davvero alla grande
facendo contenta una gran parte di pubblico, non solo i fan dell’Horror, ora
però voglio vedere Michael Dougherty prendersela con tutte le feste comandante,
o almeno che completi la trilogia regalandoci l’horror Pasquale… Così in uno
strambo Paese a forma di scarpa potranno farlo uscire in sala sotto Natale.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Ghostbusters – Minaccia glaciale (2024): e chi chiamerai? La neuro, vi ricoverano

    Ci risiamo. Malgrado sia risaputo che errare è umano mentre perseverare venga storicamente attribuito al maligno, mi tocca affrontare un altro tentativo di replicare (male) la formula inaugurata da Ivan [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing