Home » Recensioni » L’esorcista (1973): giornata ideale per un esorcismo

L’esorcista (1973): giornata ideale per un esorcismo

Arriva il momento prima o poi di affrontare le divinità e
perché no, anche i loro diretti rivali, questa Bara oggi affronta solo uno dei
film più famosi della storia del cinema, mettetevi comodi e benvenuti al nuovo
capitolo della rubrica… Hurricane Billy!

Sembra quasi un dovere morale iniziare a trattare questo
film partendo da una nota personale, spero non mi accuserete di sacrilegio se
vi dico che “L’esorcista” non è il mio film preferito di William Friedkin, a
ben guardare non è nemmeno il mio horror del cuore a tema demoniaco con bambini, ho sempre avuto una predilezione per Il Presagio, per il semplice fatto che nel film di Richard Donner il male si
manifesta con certezza solo nel finale, per tutto il film potremmo star
assistendo alla storia di una famiglia particolarmente sfortunata, “L’esorcista”
per lunghi tratti sembra uno spot a favore della Chiesa cattolica, ma questi
sono gusti personali, quindi del tutto sindacabili. Quello che resta sono i
fatti e tenendo conto di quelli, il film di Billy Friedkin è stato una bomba
nucleare sganciata sulla cultura popolare, dal 1973 non esiste un singolo film
di esorcismo occidentale senza una ragazzina legata ad un letto, teste che
ruotano nella direzione sbagliata e vomiti verdi, una capacità di colpire l’immaginario
che non si è limitata alla settima arte. A volte mi sarebbe piaciuto essere uno
di quegli spettatori che videro il film in sala allora, anche solo per capire
come poteva essere potente il cinema, quando davvero ancora era il principale
mezzo per colpire l’immaginario del pubblico, tutto questo per dire che siamo
di fronte ad un Classido!

Quanti di voi sono cresciuti con un genitore, una zia o un
amico di famiglia che vi ha raccontato di quanto fosse stato terrificante
vedere questo film in sala nel 1973? Su le mani, lo so che siete in tanti.
Perché “The Exorcist” è uno di quei film che ha aggredito con violenza belluina
non solo le cornee e le coronarie degli spettatori in sala, ma ha rifilato
stilettate anche a luoghi idealmente sicuri come il nido famigliare, la
religione e, a ben guardare, anche più di un tabù, le generazioni successive sono
cresciute nel mito di questo film in grado di sconvolgere il pubblico
dell’epoca e per molti, il film di Friedkin è diventato una di quelle “prove di
maturità” da superare. Tutti noi ricordiamo la prima volta che abbiamo visto
“L’esorcista”, qualcuno ha riso delle parolacce (accentuate dal doppiaggio italiano), una reazione naturale per un film così famoso ed epocale, che ha la
capacità di andare sotto pelle al pubblico e che a differenza di quello di Dick
Donner, mette in chiaro fin da subito, da quel prologo così efficace ambientato
in Iraq che il male esiste ed è un tipo di male che sono un ragazzo timorato di
Dio e profondamente credente come William Friedkin poteva raccontare in questo
modo, ma andiamo per gradi.

Giocatori di basket contro lo DIMONIO (potrebbe anche essere il titolo di un bel b-movie)

Un mese prima dell’uscita nelle sale di Il braccio violento della legge, il nostro Billy aveva un po’ di
tempo libero nella sua stanza d’albergo e visto che Instagram non era ancora
stato inventato, decise di riempire il tempo prima della cena alla vecchia
maniera, leggendo un bel libro ve lo ricordate? Gli era stato consegnato a mano da un altro William,
lo scrittore Blatty colpito dall’onestà con cui Friedkin non le aveva mandate a
dire a Blake Edwards per la sua sceneggiatura di “Peter Gunn”. Il libro s’intitolava “L’Esorcista”, ispirato da una vera (o presunta tale, per lo meno
dalla Chiesa) storia di esorcismo, se non lo avete mai letto ve lo consiglio
caldamente, basta quel prologo così malsano per restare incollati fino
all’ultima pagina, proprio quello che successe a Friedkin che annullò la cena
per terminare la storia della bambina posseduta da un demone e con San
Francisco a fare da sfondo alla sua camera d’albergo, il nostro Billy (regista)
telefonò entusiasta all’altro Billy (scrittore) che interruppe bruscamente il
fiume in piena di elogi per dire a Friedkin: «Billy posseggo i diritti
sull’adattamento cinematografico, sarò produttore e sceneggiatore, volevo solo
sapere se sei interessato a dirigerlo» (storia vera).

Ci sono più Billy in questa foto che in una confezione di succhi di frutta.

La Warner Brothers non aveva intenzione di affidare a
Friedkin il film, provarono a proporlo a Stanley Kubrick (no secco: non lavoro
su soggetti non scritti da me), Arthur Penn (No, ho già fatto “Gangster Story”
basta film violenti) e persino Mike Nichols. Per convincere Billy Blatty gli
fecero vedere anche il primo montaggio di “I cowboys” (1972) per provare ad
affidare il compito a Mark Rydell, ma dopo il successo al botteghino e la presa
di posizione di Blatty, nessuno poteva mettersi tra Hurricane Billy e la regia
di “L’esorcista” e state pur tranquilli che il testardo regista di Chicago ha
combattuto per ogni singolo fotogramma di questo film.

Friedkin ha più volte affermato, anche nel bel documentario
“Leap of faith” del 2019 (molto consigliato se volete approfondire la genesi di
questo classico) che era sicuro che lui e l’altro Billy sarebbero stati
licenziati, eppure con la sicurezza di chi sapeva di essere l’uomo giusto
affidato al film giusto, il regista di Chicago non fece un passo indietro, ad
esempio quando William Blatty gli consegnò la prima sceneggiatura, Hurricane
Billy con la stessa spigliatezza con cui aveva mandato a cag… detto di no a
Blake Edwards, fece reintegrare il prologo ambientato in Iraq, perché sapeva che
quello era l’inizio della lotta contro il male di padre Lankester Merrin e per
girarla avrebbe fatto di tutto, anche trattare di persona con l’ambasciatore iracheno, pur di ottenere il visto per girare con una troupe americana poco
fuori l’attuale Mosul, malgrado si potesse lavorare solo dalle sette del
mattino alle undici, visto che poi il termometro riportava 54 gradi e la sabbia
del deserto danneggiava le macchine da presa (storia vera). Quando la statua
del demone Pazuzu, persa dalla dogana e spedita per errore in Australia,
finalmente arrivò in Iraq, venne ricoperta di pezzi di carne secca per girare
la breve scena dei cani che si sbranano sotto di essa, il tutto mentre le
popolazioni locale cominciarono a credere che gli Yankee veneravano il demonio,
insomma quando dico che Friedkin era pronto a tutto, intendo anche questo.

Titoli di testa che potete sentire.

Una volta definita la sceneggiatura, però, bisognava trovare
gli attori giusti, il nostro Billy dovette rinunciare ad Audrey Hepburn che era
disponibile, ma voleva girare a Roma, Friedkin che tra le fila dei suoi fidati
tecnici non aveva nessuno che parlasse una parola di Italiano la salutò
gentilmente e poi fece quadrato attorno a Ellen Burstyn che non conosceva
personalmente, ma che ritenne perfetta per il ruolo della madre di Regan,
un’attrice atea che pur di salvare sua figlia dalla più orribile delle
situazioni, si aprirà anche al concetto di maligno, perché tra un crocifisso
usato in modo improprio e della zuppa di piselli utilizzata per simulare il
vomito verde, “L’esorcista” parla di questo: personaggi che si amano così tanto
da essere pronti ad affrontare l’orrore, ma soprattutto parla di sacrifico,
infatti Billy pur di avere gli attori migliori non si fermò davanti a nulla.

L’attrice che metterà in dubbio la sua (non) fede per salvare la figlia.

Ad esempio, Stacy Keach era già stato messo sotto contratto
per il ruolo chiave di padre Damien Karras (a mio avviso il vero protagonista
del film, lasciatemi l’icona aperta), quando ricevette una telefonata da una
faccia interessante che aveva lavorato in spettacoli off-Broadway, Jason Miller
aveva letto il copione e per trascorsi personali anche tormentati, non pensava
di poter essere Padre Karras, lui sapeva di esserlo, assecondando controvoglia
la folle richiesta, Friedkin volò fino a New York per fare un provino al volo
all’attore, con una sola porzione di dialogo della scena in cui la madre di
Regan chiede aiuto a padre Karras, Miller convinse il regista che finì a fare a
testate con la Warner pur di averlo a bordo, risultato finale? Stacy Keach
pagato per intero per non comparire nel film e Jason Miller dritto nella storia
del cinema, sfido chiunque di voi a dirmi il titolo del secondo film più famoso
di Miller (dire “L’esorcista III” non vale, troppo facile), perché c’era della
predestinazione per chi crede a questo genere di cose, di mio preferisco affidarmi
al fiuto e alla testa dura di Friedkin e Miller.

Fun fact: Roy Scheider venne scartato per il ruolo di Padre Karras, perché secondo Blatty non aveva la faccia abbastanza simpatica. Mentre Jason “raggio di sole” Miller sì?!

L’attore feticcio di Bergman, Max von Sydow venne scelto e poi truccato in modo tale da risultare
più vecchio della sua effettiva età dal maestro del trucco Dick Smith (con il
suo assistente dell’epoca Rick Baker,
scusate se è poco), responsabile anche della progressiva trasformazione di Regan
in un essere sempre giù grottesco e sfregiato da tagli e ferite autoinflitte,
buona parte della riuscita visiva del film è merito anche del trucco, capace di
andare di pari passo con la discesa all’inferno dell’anima della povera Regan.

“Giocavo a scacchi con la morte, non ho paura di te vomitilla”

Ma è inutile girarci attorno: Mike Nichols rifiutò la regia
del film perché sapeva che trovare una dodicenne credibile per un ruolo così
complesso e controverso era impossibile. Billy Friedkin da giocatore di basket
sapeva che non è finita finché l’arbitro non fischia e fece il provino a
centinaia di candidate, prima di imbattersi nella rappresentazione stessa
dell’innocenza, direttamente dal Connecticut mamma Elinore Blaire accompagnò
sua figlia Linda al colloquio con il regista, il dialogo che ne seguì ve lo
riporto per intero perché è più cinematografico di tanti film che abbiamo
visto: «Sai di cosa parla l’esorcista?», «Beh, è la storia di una ragazzina che
viene posseduta dal demonio e fa un mucchio di cose brutte», «Che tipo di cose
brutte?», «Spinge un uomo fuori dalla finestra, picchia sua madre e si masturba
con un crocefisso», «Lo sai che cosa significa?», «Che cosa?», «Masturbarsi»,
«È come fare le seghe, no?», «L’hai mai fatto?», «Certo, perché tu no?».
William Friedkin aveva appena trovato la sua Regan (storia vera).

“Lo vedi quel signore che ti farà l’esame? Lo
ritroveremo nel post su Cruising che scriverà Cassidy”

Linda Blair è stata marchiata a fuoco da questo film,
avremmo ancora modo di parlare di lei a breve così come di William Blatty,
quindi inutile dilungarsi troppo, la sua prova è straordinaria perché
all’inizio del film risulta dolcissima, la figlia dei sogni e salvarla
dall’orrore in cui è sprofondata diventa un imperativo morale per tutti, anche
per noi spettatori che ci leghiamo mani e piedi alla vicenda come Regan al
letto della sua camera. Ma oltre al trucco progressivamente più spaventoso di
Dick Smith (tre ore al giorno per trasformare Linda Blair nel demone Pazuzu e
un’ora per liberarla dalle protesi), un altro elemento chiave è stata la voce
del personaggio.

Red Bull Pazuzu ti mette le aaali!

Friedkin voleva che il suo demone sembrasse maschile e
femminile allo stesso tempo, l’unica al mondo con quella capacità era Mercedes
McCambridge, la donna che Orson Wells aveva definito la più grande attrice di
radiodrammi della storia che, però, non solo non lavorava più da parecchio tempo,
ma stava anche affrontando i suoi di demoni. Quando Bill le propose il ruolo
lei pretese due preti per assisterla dopo ogni sessione di doppiaggio, ma prima
di mettersi davanti al microfono, Mercedes McCambridge si svuotava una
bottiglia di quello buono, fumava come se con ci fosse un domani e buttava giù
uova come Rocky prima dell’allenamento, il tutto per arrochire la voce quel
tanto che bastava da renderla spaventosa… In linea di massima missione
compiuta, anche se la via crucis della McCambridge non terminò così, prima
l’attrice non volle farsi accreditare come doppiatrice, forse per evitare le
polemiche o per via della sua spiccata vocazione religiosa, poi attaccò
brutalmente Friedkin alla prima quando non vide il suo nome tra i titoli di
coda del film, insomma non proprio il set più tranquillo del mondo, ecco.

Anche se sulla fama di film “maledetto” di “L’esorcista” è
stato detto e scritto di tutto, gli incidenti non sono mancati, un set è stato
completamente raso al suolo dalle fiamme, il fratello di Max von Sydow è morto mentre l’attore svedese stava recitando e così la nonna di Linda Blair,
mentre il figlio piccolo di Jason Miller fu colpito da una moto e a lungo le
sue condizioni furono considerate molto critiche prima di riprendersi, ma
questo fa parte del mito e forse anche della suggestione creata attorno al film che preme a tavoletta sul pedale delle zone d’ombra, quelle in cui
si sono sempre mossi i personaggi di Friedkin e che negli anni ha fatto
sollevare un sopracciglio anche ai più scettici.

Avete presente cosa dico sempre sui primi cinque minuti di un film? Non è mai stato più vero che per questo.

Si tratta di iconografia, “L’esorcista” ne ha sfornata a
quintali, questo è il film che ha sdoganato la mania della tavole Ouija, le volgarità uscite dalla bocca
di Regan sono finite stampate su centinaia di magliette anche se nella versione
doppiata ci hanno dato dentro molto più che in originale («The sow is mine», la
scrofa è mia in Italiano è reso in maniera ben più sboccata), il quadro esposto
al Moma di New York, “L’impero delle luci II” di René Magritte divenne la
principale ispirazione per Friedkin per la celebre locandina del film, quella
con cui il regista scongiurò la proposta della Warner, una mano che impugnava
un crocefisso sporco di sangue e la frase di lancio “In nome di Dio qualcuno la
aiuti” (storia vera). In tutta questa iconografia non poteva mancare la musica,
disperato e in cerca del tema musicale giusto Hurricane Billy affidò il compito
allo storico compositore Bernard Herrmann
che con spocchia malcelata ignorò tutte le indicazioni del regista, che quando
sentì parlare di utilizzare un organo da chiesa per la colonna sonora (si
poteva fare scelta più banale? Penso di no), strinse la mano ad Herrmann e poi
si mise a spulciare cassette con campioni di basi inutilizzate, quando sentì i
primi dieci secondi di Tubular Bells del polistrumentista Mike Oldfield, capì
di aver trovato il tema musicale perfetto per il suo sconto tra il bene e il
male, ancora oggi uno dei temi horror più ricordati di sempre, almeno al pari
di quelli usati da Argento e Carpenter nei loro capolavori.

Poi dicono che a leggere la Bara Volante non s’impara niente, toh beccatevi Magritte!

Sul set Friedkin non ha preso prigionieri, per ottenere il
massimo dall’ateo Max von Sydow, Billy era disposto a far venire giù Bergman
dalla Svezia, gli bastò chiedere all’attore di interpretare padre Merrin non
come uno stregone con i poteri, ma come un uomo in lotta con il male (storia
vera). Non andò altrettando liscia con Bill O’Malley, per l’intensa scena
dell’estrema unzione era necessario che l’attore piangesse, per la seconda
volta in carriera Hurricane Billy utilizzò la tecnica del suo eroe
cinematografico Henri-Georges Clouzot:
«Bill io so che ce la puoi fare, mi vuoi bene?», «Sì», «Dillo», «Ti voglio bene
Billy, lo sai», BOOM! Schiaffone a mano aperta sul volto di O’Malley che girò
la scena nel silenzio totale, l’avete vista perché è finita del montaggio
finale del film ed è anche la chiusura ideale della storia di padre Karras, su
cui vi ero debitore di un’icona lasciata aperta, la chiudo subito, anche se ci
vorrà un lungo giro di parole, vi avviso.

“Con la mano aperta così m’ha picchiato, una pizza in faccia, cinque dita di violenza”

Ve l’ho detto che io per questo post verrò accusato di
sacrilegio, ma dopo anni di insistenza e chiacchiere tra amici dei due Billy,
nel 2000 Friedkin cedette alle pressioni di Blatty facendo uscire la versione
estesa del film, quella da 132 minuti, posso dirlo? Una versione della
pellicola che io trovo orribile e inutile. Nel 1973 Hurricane Billy aveva
deciso di mostrare l’iconico e spaventoso volto del demone Pazuzu una volta
sola, rendendolo uno dei fotogrammi che ha terrorizzato più persone, forse
dell’intera storia del cinema. Aggiungere faccine di Pazuzu in digitale un po’
ovunque nella versione del 2000 mi è sembrato un modo per depotenziare
l’efficacia di un film che ha saputo creare iconografia anche con le scene
tagliate. 

Dura un battito di ciglia, ma resta uno dei fotogrammi più spaventosi di sempre.

La famigerata discesa dalle scale con la “camminata a ragno”,
tagliata nel 1973 perché non si poteva con la tecnologia del tempo cancellare i
fili che sostenevano la controfigura, è diventata la scena mai vista più citata
del genere horror, idealmente ha tenuto a battesimo (tanto per stare in tema)
molto J-Horror e tutte le possedute nei film occidentali, una legione di
contorsioniste in grado di scalare le pareti come Spider-Man. Comprendo perché
Billy abbia voluto riprendersi la paternità di quella scena che, però, trovo
ancora più inutile delle apparizioni digitali di Pazuzu anche per motivi
logistici: come fai a richiudere nella sua stanza una posseduta fuggita in quel
modo? Anche perché a ben guardarlo “L’esorcista” è un dramma ambientato in
un’unica stanza, una tecnica che Friedkin dominava da lungo tempo ormai.

Spider-Pork, Spider-Pork il soffitto la scala tu mi spork (quasi-cit.)

No, la versione del 2000 esiste principalmente per
accontentare Blatty che temeva che il finale così nero del film fosse
percepito come un peccato capitale di Padre Karras che si suicida gettandosi
dalla finestra. Posso dirlo? Fin dalla prima volta che io vidi “L’esorcista”
(noleggiato, da solo a casa, storia vera), non ho mai avuto la percezione di
aver assistito ad un peccato capitale, forse perché sono più ateo della mamma
di Regan all’inizio del film, o forse solo perché fin da quella prima visione,
per me l’obiettivo del demone non era mai stato la dolce e tenera Regan
MacNeil, un mezzo per arrivare a quello che per certi versi penso sia il vero
protagonista del film.

“Hihihihi ci ho messo lo zampino”

Cosa vi dico sempre delle scene in metropolitana? Ogni
grande film dovrebbe averne una, “L’esorcista” ha prima quella del (vero) senzatetto
che chiede qualche spicciolo a Karras e poi la singola scena che trovo più
spaventosa di tutto il film, più delle teste che girano, più per la
chiacchierata scena del crocefisso, delle lievitazioni e del vomito verde.
Padre Karras fa visita a sua madre, lasciata a morire in un ospizio per poveri,
la donna con la sua voce lamentosa e piangente chiede al figlio «Perché mi hai
fatto questo, Dimmy? Perché?», la voce della madre diventa la tortura della
goccia sul senso di colpa di un uomo che ha quasi perso la sua fede in Dio e
che dovrà ritrovarla nel modo più drammatico possibile. Il centro morale
dell’esorcista sta nel parallelismo tra la madre di Karras lasciata sola a
morire in un letto e Regan, qualcuna che come mammà si contorcerà quando lo
vedrà arrivare legata alla testiera del suo letto, ma che può ancora essere
salvata. La scena chiave di “L’esorcista” è quella in cui Padre Karras in
sogno, vede sua madre salire le scale dell’uscita della metropolitana (una
simbolica ascensione) dire qualcosa al figlio che nel traffico e per la
distanza non riuscirà mai a capire per poi voltarsi, scendendo quella scale
verso il basso e anche qui, impossibile non vederci qualcosa di metaforico.

Il Cattolico senso di colpa, messo su pellicola.

Per quello che mi riguarda quella è la scena più spaventosa
del film, quella chiave con cui William Friedkin ci inchioda tutti, il miglior
modo possibile per utilizzare il cinema per raccontare il senso di colpa che è
alla base di tutta la religione cattolica e che spingerà padre Karras a
sacrificarsi per liberare Regan, forse era davvero lui l’obiettivo di Pazuzu e
in ogni caso, aggiungere un dialogo leggero tra O’Malley e Lee J. Cobb nei
pressi di quella maledetta (e anche lei, iconica) scalinata, non può certo
alleviare come sperava Blatty, un film che solo un ragazzo timorato di Dio come
William Friedkin poteva raccontare in modo così efficace, scavando nelle luci e
nelle ombre anche della religione che, poi, è quella zona oscura dove il cinema
di Hurricane Billy ha sempre… Beh, brillato di più. Dicono che è prima dell’alba
che la notte è più buia, vale la pena affrontare l’orrore per vedere la luce (il
bacio di gratitudine sulla guancia di Regan al prete), nessuno ha mai raccontato
lo scontro tra il buio e la luce, il bene e il male, utilizzando le armi del
cinema di genere meglio di quanto abbia fatto William Friedkin.

La messa è finita andate in pace, ma restate nei paraggi
perché a breve (brevissimo!) arriverà un altro capolavoro di Hurricane Billy e
tra sette giorni, il nuovo capitolo della rubrica, non mancate, intanto se vi va, trovate questo post anche sulla pagine di Malastrana VHS.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Doctor Who – 1×04 – 73 Yards (2024): distanziamento sociale interdimensionale

    Altro giro, altro episodio di Doctor Who che conferma che il nostro Dottore, forse a causa della fresca rigenerazione, o si ritrova con dei piedi fuori taglia, oppure ancora non [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing