Home » Recensioni » She Hulk 1 – I due volti della giustizia: Più che un rilancio sembra un operazione nostalgia…

She Hulk 1 – I due volti della giustizia: Più che un rilancio sembra un operazione nostalgia…

Il rilancio Marvel NOW
tocca tutti prima o poi, nemmeno la nostra “Shulkie” è immune a questa cura,
anche se bisogna dire che gli autori che compongono il team creativo sono di
primo livello, Charles Soule ai testi e Javier Pulido alle matite.

Charles Soule è tra i
giovani talenti emergenti della Marvel, attivissimo è al centro del rilancio di
Wolverine con le saghe Death of Wolverine e The Logan Legacy, ma è anche autore
che sta riportando linfa vitale agli Inumani sulle pagine di “Inhumans”,
inoltre non scrive solamente fumetti ma è iscritto all’ordine degli avvocati, e
questo fa di lui l’uomo giusto per il rilancio di She-Hulk.
Dopo che Matt Murdock
(alias Devil) è stato radiato dall’albo e si è trasferito a San Francisco per
poter continuare l’attività forense, nella grande mela c’è posto al vertice,
manca qualcuno che ricopra il ruolo di Avvocato della comunità dei Super Eroi,
la scelta naturale è proprio Jennifer Walters, la cugina di Hulk avvocato di
professione ed eroina (Verde) a tempo pieno.

Jennifer Walters si ammazza di lavoro in ufficio…
Questo rilancio, non
ha ambizioni autoriali riuscite come per Moon Knight o decisamente mancate come
per Elektra, in comune ha solo il formato scelto da Panini, questi volume
cartonati dalla copertina “Morbidosa” che da uno strano senso di
appiccicaticcio sotto le dita…
Javier Pulido, già
visto sulla pagine di “Occhio di Falco” ma anche del Devil di Mark Waid, non è
propriamente al suo meglio a mio avviso, ha una ottima costruzione delle
pagine, a specialmente su alcuni volti sembra lavorare un po’ a tirar via,
infatti le ultime due storie sono state affidate alle matite di Ron Wimberly se
possibile ancora meno raffinato dell’autore Spagnolo.
La trama non è affatto
male, e finalmente ci regala un personaggio femminile carismatico capace di
rimettere in riga anche Tony Stark (o i suoi droni da difesa) con la stessa
dose di cazzotti ben assestati e proprietà linguistica. Jennifer Walters si
ritrova a difendere il figlio di Victor Von Doom in cerca di asilo politico e
ad indagare su un misterioso dossier Blu, che la vede implicata in prima
persona, in tutta con la più improbabile delle aiutanti (dotata di scimmia
cappuccina) e di un’altra vecchia conoscenza dell’universo Marvel, Patsy Walker
alias Hellcat.

Javier Pulido alle prese con il nuovo ufficio di She-Hulk…. Adesso mancano solo i clienti.
Il fumetto è
disimpegnato, e le atmosfere sono quelle leggere è un po’ sopra le righe dei
fumetti anni ’70, complici anche i disegni retrò di Pulido, infatti le ultime
due storia disegnate da Wimberly risultano già più grezze, con qualche punta di
violenza… Moderata eh? Non è mica una serie MAX questa.

She-Hulk fa Team-up con un altro Super Eroe….. Super Alcolico!
Charles Soule sa
scrivere dei dialoghi frizzanti, ora, non so se funzionerà come rilancio del
personaggio, a mio avviso la storia è ancora troppo legata ai vecchi canoni del
personaggio per far apprezzare “Shulkie” al nuovo pubblico, però come riuscita
operazione retrò funziona alla grande.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Clipped (2024): piove, il gatto è morto, la fidanzata mi ha lasciato e io tengo ai Clippers

    «Piove, il gatto è morto, la fidanzata mi ha lasciato e io tengo ai Clippers.», si potrebbero scrivere romanzi nel tentativo di riassumere la storia dell’altra squadra NBA di Los [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing