Home » Recensioni » Star Trek II – L’ira di Khan (1982): nello spazio nessuno può sentirti urlare KHAAAAAAANN!

Star Trek II – L’ira di Khan (1982): nello spazio nessuno può sentirti urlare KHAAAAAAANN!

Non sono una persona particolarmente spirituale, mi ritengo molto più vicino al logico pragmatismo Vulcaniano, ma quando l’universo parla tengo le orecchie dritte (a punta) per ascoltare: questa Bara decollata per la sua missione per esplorare strani e nuovi mondi, incrociando il compleanno di William Shatner, che proprio oggi, data astrale 22 marzo 2021 compie 90 anni. Il tempismo nella vita ha il suo peso.

Star Trek – Il film è un grosso successo al botteghino, dopo una produzione che è stata più tormentata e sanguinolenta di un rituale Klingon. Il piano di portare Kirk e compagni al cinema ha pagato dei dividendi, la rotta è quella giusta ma la Paramount Pictures capisce che forse al comando della nave serve qualcun altro, anche perché Gene Roddenberry già blaterava di una trama in cui i suoi personaggi tornavano indietro nel tempo (storia vera). Alla Paramount volevano evitare che il nuovo film venisse nuovamente sbertucciato con nomignoli come “Star Trek – The Slow motion picture”, ma soprattutto volevano contenere i costi della produzione, motivo per cui il comando venne affidato a Harve Bennett, un produttore che lavorava per la sezione televisiva della Paramount, uno non particolarmente coinvolto o sentimentalmente legato alla serie classica di Star TrekPer questo motivo a Roddenberry venne assegnato il titolo di consulente esecutivo, una di quelle finte promozioni, che per restare in tema è un po’ come nominare Kirk ammiraglio, ma poi piazzarlo dietro una scrivania sul pianeta Terra, non so se ho reso l’idea.

Il creatore elegantemente estromesso, un seguito girato con meno soldi affidato a qualcuno con pochi legami affettivi con la serie, sembra la cronaca di qualcuno che dopo aver ammonticchiato casse di dinamite, decida che è giunto il momento di fumarsi una meritata sigaretta, invece per questo seguito non è stato affatto così, senza la tendenza a strafare (e a volere sempre l’ultima parola) di Roddenberry, sostituito dal ben più pragmatico Bennett, questo film è diventato un vero classico, anzi…Classido!

Si perché come vi ho già raccontato, da bambino conservavo religiosamente le mie VHS dei film di Star Trek, registrate dai vari passaggi televisivi e quindi vivevo una versione in piccolo (molto in piccolo) della passione bruciante dei Trekkie per questa saga, ma lo facevo in un ambiente asettico, Internet era più fantascientifico del teletrasporto, quindi non ho mai avuto modi di confrontarmi con nessuno sul valore e la qualità di quella manciata di film. Solo anni dopo quando ho scoperto che “Star Trek II – L’ira di Khan” è universalmente considerato uno dei capitoli migliori, ho capito che anche nella mia piccola “bolla”, il valore del film mi aveva colpito in mezzo agli occhi.

Nicholas Meyer nella parte di tutti di noi Nerd davanti al nostro Padrino.

Harve Bennett ha portato molto alla saga di “Star Trek”, per prima cosa i gradi sulle uniformi sono farina del suo sacco, così come la scelta di andare a ripescare il personaggio di Khan da un episodio della serie classica, nella fattispecie la puntata Spazio profondo (1×22), anche se la genesi (occhiolino-occhiolino) della storia è stata un po’ più articolata: la prima bozza di idea di Bennet prevedeva un’indagine su una ribellione su un mondo lontano, comandata da un personaggio che si sarebbe scoperto essere il figlio di Kirk. Bennet assunse lo sceneggiatore Jack B. Sowards per trasformare la sinossi in una sceneggiatura intitolata “The Omega Syndrome”, in cui l’Omega era una potente arma della Federazione rubata dai ribelli. Ma preoccupato dal fatto che tutto questo potesse risultare un po’ troppo drammatico, Bennett accettò con entusiasmo di trasformare l‘arma in un dispositivo terra formante dal nome Biblico di “Genesis” (come un pessimo gruppo rock avrebbe detto il mio omonimo fumettistico), l’idea di rendere il carismatico Khan, nuovamente interpretato da Ricardo Montalbán (che ricorderete di certo per “Fantasilandia” o per Fuga dal pianeta delle scimmie) nel ruolo del capo dei ribelli, non ha fatto altro che migliorare una trama già gustosa.

La gag inevitabile sul set, non si scappa è un rito di passaggio.

La sotto trama del figlio di Kirk, non solo è rimasta, ma contribuisce a migliorare quel velo di malinconia che pervade tutta la storia, perché “Star Trek II – The wrath of Khan” non solo non fa nulla per negare le rughe in più sui volti di Kirk, Spock e Bones, ma si mette in scia sfruttando gli anni e i chilometri, come avrebbe detto Indy. Trovo meraviglioso poter festeggiare i novant’anni del capitano Kirk, scrivendo di un film in cui il dottor McCoy (sempre interpretato dal grande DeForest Kelley), regala al suo capitano dei vecchi occhiali per la sua collezione di antichità terresti e della birra Romulana illegale, ad uso terapeutico ma da bere insieme come vecchi compari. Immagino che “Birra Romulana” sia la parola in codice nel mondo di Star Trek, quando qualcuno parla di erba.

«In quanto tuo dottore, ti prescrivo di farla girare. Non fare il mangia pollo come al solito eh?»

Tra i vari cambiamenti subiti in corsa da “Star Trek II – The wrath of Khan” anche il titolo, che originariamente avrebbe dovuto essere “Star Trek II – The revenge of Khan”, se non fosse per il fatto che la saga, chiamiamola concorrente di George Lucas, più o meno nello stesso periodo aveva già annunciato l’uscita di “Revenge of the Jedi”. Per evitare tutta questa vendetta nell’aria, la Paramount optò per il molto più azzeccato (a mio avviso) “L’ira di Khan”, anche quando all’ultimo minuto e dopo aver già fatto stampare numerose locandine, Lucas decise di cambiare il titolo del suo film in Il ritorno dello Jedi. Meglio così per tutti, anche perché un’altra delle ragioni della mia passione per “Star Trek II” sono le innumerevoli e palesi citazioni a “Moby Dick” di Herman Melville, che rendono Khan una sorta di iracondo Achab spaziale, ossessionato dalla sua vendetta nei confronti della balena bianca Kirk, e per quanto la frase mi sia uscita male, vi giuro che non è un modo facile per fare ironia sul peso di William Shatner, giuro! Non mi permetterei mai.

Potrete essere fighi, ma non serate mai fighi come questi
tre nelle loro divise nuove.

Ciliegina sulla torta? Tra i tanti, grandi, grandissimi compositori che hanno avuto l’onore e la responsabilità di comporre musiche per i film di “Star Trek” metteteci anche uno dei miei preferiti di sempre, il mai abbastanza compianto James Horner, che qui ha saputo mettere la sua personalità e il suo tocco al servizio dei temi epici che servono a questa storia e a questa saga.

Per essere uno che è ancora alle prese con una lunghissima maratona di recupero di tutti gli episodi delle serie tv, e che proprio per questo non sarà mai un Trekkie (quello è un titolo che si meritano coloro che hanno fatto la gavetta negli anni), di questo film amo TUTTO, pensate che non mi è mai passato quell’insano desiderio di prendere un cane (o due) e chiamarli Kobayashi Maru (storia vera), il famigerato test impossibile da superare che solo Kirk ha saputo risolvere (barando) perché, stando alle parole del capitano, «Sapere affrontare la morte è importante almeno quanto affrontare la vita», che poi è la lezione che impara subito Kirstie Alley nei panni della tenente Vulcaniana Saavik, nella scena iniziale del film, quella che non solo determina tutto l’andamento della pellicola, ma risulta più movimentata di tutto Star Trek – Il film, e che per altro si conclude con l’entrata in scena di Kirk, figo come la neve a Natale, che entra in plancia con la luce alle spalle, con il sorriso di chi è stato il solo a superare la Kobayashi Maru e gli occhi di chi se le è fatte tutte (le guardiamarina in minigonna della serie classica).

Saavik non lo sa, ma dopo questa entrata in scena di Kirk è rimasta incinta.

Il regista Nicholas Meyer non sarà di sicuro un Maestro come Robert Wise, anche se in carriera ha firmato due film di culto come “L’uomo venuto dall’impossibile” (1979) e “The Day After” (1983), che diventano una trilogia di titoli degni di nota proprio perché “Star Trek II – L’ira di Khan”, con un budget di soli dodici milioni di fogli verdi con sopra facce di ex presidenti defunti, riciclando le uniformi non utilizzare per la serie mai realizzata “Phase II”, non solo tiene il ritmo altissimo per tutti i 113 minuti (116 nella versione “Director’s cut”) della sua durata, ma passa da una scena memorabile all’altra, generando quintali di iconografia per la saga di “Star Trek”.

La Kobayashi Maru, la scena della terra formazione grazie a Genesis (che lascia senza parole McCoy e fa sollevare un sopracciglio a Spock, massimo dello sconvolgimento emotivo Vuclaniano), ma anche l’entrata in scena di Khan, anche se la serie classica sono riuscito a vederla per intero solo pochi mesi fa, quindi non avevo mai visto l’esordio del personaggio, Ricardo Montalbán qui ci regala un cattivo memorabile, magnetico, carismatico eppure intriso di odio come un Babà nel rum.

«Sono talmente cattivo che nemmeno il Sofficino mi fa un sorriso»

Il racconto di come Khan e il suo equipaggio siano stati abbandonati da Kirk sulla superficie di un pianeta morente, di come lui sia sopravvissuto di fatto tenendo aperte le ferite e alimentando la sua rabbia, tutta bella robetta che traspare dalla prova monumentale di Montalbán, che fa suo il proverbio Klingon «BortaS bIr jablu’DI’reH QaQqu’ nay», la vendetta è un piatto che va servito freddo. Spero di non aver insultato la mamma a qualche Klingon con la mia pronuncia, tendono a serbare rancore almeno quanto Khan quei ragazzoni.

La vendetta è un piatto che va servito con gli scudi abbassati.

Lo scambio di rotta tra Ceti Alpha VI e Ceti Alpha V (un pianeta con più seguiti di Rocky), oppure quegli orripilanti vermoni della sabbia con cui vengono torturati i prigionieri, tutte trovate che rendono memorabile Khan, un (super)uomo che ha sfidato l’impossibile pur di continuare a vivere e la sua vita è solo la vendetta. Quando hai un cattivo così i tuoi eroi devono per forza fare uno sforzo maggiore per risultare ancora più eroici, ecco perché “Star Trek II – L’ira di Khan” funziona e continuerà a funzionare nel tempo, ha un quantitativo di emozioni, rabbia, sentimenti che non possono lasciare indifferenti nessuno, non un ragazzetto che questi film se li guardava e riguardava in VHS, ma nemmeno un Vulcaniano che da sempre, i suoi sentimenti li reprime, figuriamoci uno come Kirk che in tre stagioni della serie classica ha sempre vissuto di impeto, recitando anche sopra le righe come faceva così bene William Shatner, che infatti qui risponde con uno dei momenti più epici di tutta la cultura popolare occidentale.

La rabbia, anzi l’ira di Khan è tale che uccidere il suo nemico sarebbe troppo poco, con la sua frase, «Ho fatto di più, ti ho ferito», Khan vuole dimostrare che anche l’impeccabile Kirk può sanguinare. La reazione di Kirk è così grande che sarà anche vero che nessuno nello spazio può sentirti urlare, ma tutti hanno sentito James T. Kirk invocare il nome del suo nemico.

Come quando sbatti il mignolo del piede contro il divano.

Questo è il film giusto per fare gli auguri di compleanno a William Shatner, perché il suo personaggio più famoso (dopo T.J. Hooker) fa i conti con i semi che ha sparso nella sua vita, che siano essi pargoli o d’odio, James Tiberius Kirk sarà anche l’uomo che ha superato il test della Kobayashi Maru, ma in fondo anche quella era solo una simulazione per metterlo alla prova, per capire sul serio che le esigenze di molti contano più di quelle di pochi, Kirk dovrà sacrificare tutto, anche il suo migliore amico, cosa che per altro a Leonard Nimoy andava benissimo.

Si perché Nimoy, temendo di restare per sempre incastrato nel ruolo di Spock, accettò di recitare in “Star Trek II” solo se il suo personaggio avrebbe trovato una grande morte, Bennet pensò di far morire il Vulcaniano subito, un colpo alla Psycho per spiazzare il pubblico, ma poi fece la scelta più saggia, una grande uscita di scena, la versione Vulcaniana della Kobayashi Maru che si traduce in un atto eroico e in una scena d’addio che non si dimentica, lacrime napulitane? No, al massimo Vulcaniane, e poi non sono lacrime è sudore che sprizza nello sforzo di restare così incredibilmente duri e tosti anche davanti ad una scena così.

Oggi è morto spock, è stato ucciso dalle radiazioni / E ci mancherà, si, ci mancherà (cit.)

Motivato come solo la morte del Maestro nei film di Kung-Fu può fare per il protagonista, Kirk affronta Khan e lo batte in astuzia, se ne va sgommando a super velocità con l’Enterprise mentre ad urlare questa volta è Khan, un anatema che poi era lo stesso che Achab lanciava all’oggetto della sua ossessione Moby Dick («Dal cuore dell’inferno io ti pugnalo!»).

Chi di urlo ferisce, urlando perisce.

Forse l’unico difetto di “Star Trek II – L’ira di Khan” è la proliferazione dei finali, di fatto tutti gli ultimi minuti del film non solo altro che il prologo di “Star Trek III” (a breve su queste Bare), ma cosa gli vuoi dire? Davanti al funerale di Spock che si allontana verso l’orizzonte nella sua bara (volante), accompagnato dalle parole del suo amico, tocca fare il secondo sforzo per sfoggiare assoluta tostaggine, non capita tutti i giorni di poter salutare un’icona pop (padrino dei Nerd) con così tanto stile, ma di questo parleremo dettagliatamente a breve.

Una gran Bara Volante bisogna dirlo, io me ne intendo.

Per ora ci tengo a fare gli auguri a William Shatner usando prima le parole del suo amico, lunga vita e prosperità e poi quelle del suo stesso personaggio, che trovate qui sotto, noi invece continuiamo il nostro viaggio la prossima sertimana, alla ricerca di nuove forme di vita e civiltà.

McCoy: «Jim? Sta bene? Come si sente?»
Kirk: «Giovane. Mi sento giovane»

Non perdetevi i post di SamSimon e del Zinefilo, anche loro pronti a fare gli auguri al capitano Kirk.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Bad Boys – Ride or Die (2024): ridateci il BAYHEM, grazie

    Perché un altro Bad Boys? Può sembrare una domanda semplice ed in effetti lo è, piuttosto è la risposta ad essere strutturata, iniziamo dall’anno di uscita, questo 2024 che ha [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing