Home » Recensioni » Star Trek – L’insurrezione (1998): la crisi di mezza età colpisce duro

Star Trek – L’insurrezione (1998): la crisi di mezza età colpisce duro

Abbiamo un mistero a bordo di questa Bara Volante da
affrontare oggi, un mistero legato a filo doppio con il nuovo appuntamento
settimanale con “Star Trek”, bentornati!

Il mistero di oggi si chiama “Star Trek – L’insurrezione”,
mistero perché pur avendo visto al cinema Primo Contatto e sicuramente anche il film successivo dedicato all’equipaggio di The Next Generation (a breve su queste Bare), proprio non ricordo come mai non andai a vedere anche “Star Trek –
Insurrection” al cinema, oppure peggio, se l’ho fatto non ne conservo memoria.

Eppure ricordo bene un certo martellamento mediatico, con la
pubblicità in tv del film che passava a ripetizione e F. Murray Abraham
conciato da alieno che urlava «Gnoooooooo!», proprio così visto che faceva un
urletto abbastanza fastidioso e ridicolo. Ricordo anche di averlo visto questo film, a
questo punto a noleggio e poi ancora qualche settimana fa in vista di questa
rubrica, ma beccami gallina, se riesco a ricordarmi qualcosa che non sia F.
Murray Abraham che fa «Gnoooooooo!».

Non fidatevi di lui, ha ucciso Mozart detto Gnoo!

Per “Star Trek – Insurrection” vale l’antico adagio: squadra
che vince non si cambia, quindi non solo l’equipaggio è sempre il solito,
guidato dall’inossidabile “Gianluca” Picard, ma anche in cabina di regia è
stato confermato Jonathan “Two takes” Frakes, il nostro numero uno che qui si
conferma mestierante capace, alle prese con una storia in linea con la sua
regia, volenterosa ma molto televisiva.

Primo Contatto era
un film con diversi difetti, ma anche in grado di raccontare con pennellate
gustosamente horror un momento chiave della storia di “Star Trek”, era lecito
aspettarsi che dopo il successo di quel film, la produzione puntasse più in
alto, invece “Star Trek – L’insurrezione” è poco più di una puntata lunga di The Next Generation, con un numero di
eventi minore al vostro episodio medio della serie, ma con parecchia noia in più
e beh, F. Murray Abraham che grida «Gnoooooooo!».

Gnooooooo! I titoli di testa gnoooooo!

La storia rende onore alle varie puntate che vedevano
l’equipaggio di “Star Trek” impegnato a toccare il suolo di qualche nuovo pianeta, anzi per la
precisione strizza volutamente l’occhio a tutti quegli episodi in cui i membri
della Flotta Stellare s’interfacciano con una comunità pacifica e vagamente hippie,
occasione che la serie classica
sfruttava per mostrare qualche bella figliola e qualche manzo palestrato in
vestitini microscopici, qui invece, non succede nemmeno quello se ve lo state
chiedendo.

Il soggetto del solito produttore Rick Berman, trasformato
in una sceneggiatura da Michael Piller, ci porta su Ba’Ku, pianeta popolato da
una pacifica comunità di figli dei fiori che vive di boh, coltivando marijuana
probabilmente, tanto a nessuno importa. Quello che invece fa gola a tanti è la
radiazione assolutamente non letale del pianeta, dotata anzi di proprietà
curative notevoli, gli abitanti di Ba’Ku non invecchiano e quella che a tutti
gli effetti potrebbe essere la fonte dell’eterna giovinezza attira tutti, anche
gli alti vertici della Federazione, che per una volta non viene ritratta come
gli americani amano dipingere loro stessi, ovvero gli eroici portatori di
democrazia e pace. Contravvenendo in parte alla visione di Gene Roddenberry,
qui ci viene raccontato che ci sono delle gran carogne anche a capo della Federazione,
pronta ad allearsi con i viscidi Son’a, evidente contrazione dell’espressione
“son-of-a-bitch”, gli alieni figli di buona donna, capitanati dal Ahdar Ru’afo
(salute! F. Murray Abraham truccatissimo che fa «Gnoooooooo!»), un figuro nemmeno
vagamente losco no no, proprio per niente, ma soprattutto interessatissimo a
mettere le mani sul pianetucolo, per vincere la sua eterna battaglia con un
corpo in decadimento. Insomma come chiunque di noi dopo i trent’anni.

Fun fact: nel film compare anche Lorella Cuccarini, ma la sua parte è stata tagliata, la potete giusto intravedere QUI.

Per portare avanti questa trama tirata per i capelli, piena
di tempi morti e il più delle volte lacunosa, una delle tappe è quella di far
sloggiare i Ba’Ku da casa loro, ovviamente Picard e l’equipaggio
dell’Enterprise, in quanto rappresentanti della parte più nobile e pura degli
Stati Uniti
della Flotta Stellare, cercheranno di opporsi a quella che è una
deportazione di massa, semplicemente chiamata con un nome diverso. Sapete come
funziona no? Si chiama una guerra “missione di pace” e il gioco è fatto.

Eppure anche Picard e compagni si ritrovano ad essere
inizialmente delle pedine, a partire da Data (Paolo Bonolis Brent Spiner)
spedito su Ba’Ku in quanto insensibile agli strani effetti che la radiazione ha
sugli umani, armato di una tuta mimetica che lo rende invisibile ai locali,
anche a lui gira il boccino per motivi non precisati rivelando non solo la sua
posizione, ma la presenza dell’alleanza tra capi della Federazione e alieni
“son-of-a-bitch” su Ba’Ku. Tutto questo a mia volta per cercare di usare un
lungo giro di parole, necessario a mimetizzare una scena d’apertura che prevede
la capoccia di Data svolazzante a mezz’aria, in quello che è un utilizzo
piuttosto pezzente del “Chroma key”, il caro vecchio schermo verde. Se questo è
l’inizio del film, il resto potete immaginarlo? No, non potete, perché “Insurrection”
diventa di colpo la sagra del “Facce ride” che però, non fa ridere, ma proprio per
niente, come le battute di Pio e Amedeo.

La vendetta della capoccia volante.

Invece di spiegarci come è possibile, che l’avanzatissimo
Data, l’androide che per sette stagioni di The Next Generation ci hanno spiegato essere l’unico della sua tipologia, un
orgoglio tecnologico inarrivabile, possa essere stato “Hackerato” come l’ultimo
dei cloud pieni di foto zozze della stellina televisiva di turno. Ma la trama è
molto più interessata a mostrarci momenti davvero salienti, come Jean-Luc Picard impegnato in attività da ambasciatore che prevedono l’indossare una sorta di trecce in stile Greta Thunberg.

Fridays for Picard.

Ma non è mica finita qui, vogliamo negarci anche Worf e
Picard che si esibiscono in un duetto canoro per far leva sui ricordi dello
smemorato di Collegno Data? Posso comprendere che per i fan di vecchia data
(ah-ah) possa essere simpatico vedere i propri beniamini un po’ più rilassati del solito,
specialmente dopo l’azione convulsa, anche drammatica e decisamente oscura di Primo Contatto, ma da qui a farli
passare proprio per dei deficienti, mi sembra anche eccessivo.

Ad un certo punto mi sono convinto che più che una vaga
critica (o apprezzamento) alla politica estera americana, “Star Trek –
L’insurrezione” sia una metafora sulla crisi di mezza età, si perché abbiamo William
T. Riker che per compensare il girovita più abbondante di un tempo, si taglia
la caratteristica barba per darsi una botta di vita e per restare in tema, ho
seriamente sospettato che Jonathan Frakes, abbia accettato un’altra regia solo
per girare una scena dove si infila in una vasca da bagno con Marina Sirtis
(chiamalo scemo), perché qui l’eterno tira e molla tra Riker e Deanna Troi,
sembra diventare la trama principale di “Insurrection”.

Shave like a bomber Riker.

Se come da tradizione di molte serie televisive, due
personaggi che sembrano fatti dal sarto per stare insieme, accampano
costantemente scuse per non mettersi insieme, di solito è solo per tenere alta
l’attenzione del pubblico, Mulder e Scully lo hanno fatto per duecento puntate,
stessa cosa Deanna e Riker che hanno sempre messo la carriera davanti al loro
rapporto, malgrado una storiella mezza accennata tra la bella Betazoide e Worf
(Michael Dorn), che in quanto più amato dal pubblico, doveva essere sempre
nella zona delle operazioni, tutte, anche quelle amorose.

Visto che abbiamo 103 minuti da riempire, una sorta di crisi
di mezza età anche per Picard non vogliamo mettercela? Infatti il capitano si
prende una cotta per la bella locale iniziando un teatrino insopportabile
almeno quanto vedere Data fare amicizia con i bambini del villaggio. Non venite
a dirmi, anzi non osate proprio nemmeno accennare al fatto che i contadini
difesi da un manipolo di guerrieri, sia l’omaggio di “Star Trek” al capolavoro
“I sette samurai” (1954), cioè probabilmente lo è perché Kurosawa ha creato un
archetipo narrativo tale, da essere diventato un modello quasi automatico a cui
fare istintivamente riferimento quando si scrive una storia, ma più che questo
non voglio sentire ok?

Uno, due, tre, quattro, cinque, sei e come volevasi dimostrare, sette.

Ma più che Kurosawa qui mi sembra di assistere ad una storia
sulla crisi di mezza età, andiamo non metti un cattivo con la faccia tirata
come le peggiori stelline televisive in lotta con Padre Tempo, se non vuoi
seguire quella china. Sul serio, l’alieno di F. Murray Abraham, dovrebbe essere
l’ennesimo cattivo di “Star Trek” guidato da intenti alti, la ricerca
dell’eterna giovinezza per Ahdar Ru’afo (salute!), dovrebbe sostituire
l’ossessione in stile “Moby Dick” di Khan? Ci potrebbe stare sulla carta, ma
nei fatti abbiamo solo un cattivo con la faccia più tirata di quella di certi
personaggi di Brazil. Solo che in più
piagnucola facendo «Gnoooooooo!».

Giusto un ritocchino per le zampe di gallina, impercettibile.

La stessa strombazzata insurrezione del titolo poi, risulta
davvero poca cosa, un elemento importante nella storia certo, ma quasi
tangenziale e non degno di comparire a chiare lettere nel titolo, sarebbe come
intitolare “Taxi Driver” (1976) qualcosa tipo “Primo appuntamento in un cinema
porno”, si certo succede, perché è un elemento della trama, ma non proprio quello
fondamentale o almeno per resta, non lo sembra per nulla.

A sostegno della mia teoria sul film dedicato alla crisi di
mezza età, ci sta anche il monologo di Worf sul tempo che passa e sulle mezze stagioni che non ci sono più o qualche banalità del genere. Non nego la presenza di momenti emotivi pensati
per fare leva sul cuoricino dei Trekkie, come Geordi La Forge (LeVar Burton) che “vede” il
suo primo tramonto, ma in generale il film mi sembra uno spreco di F. Murray
Abraham, anzi no, perché sotto un trucco brutto anche qui l’attore riesce ad essere
l’unico elemento memorabile, di un film che sto dimenticando (ancora!) anche
ora che sono impegnato a scriverne, non è un caso se mi ricordo solo il suo
urlo disperato, che poi potrebbe anche essere il miglior commento al film:
«Gnoooooooo!».

Quando gli F. Murray Abraham fanno “Gnoooooo” (che grande noia)

Insomma questa puntata noiosa di The Next Generation portata al cinema, potrebbe essere uno dei
titoli più insipidi di tutta la saga di “Star Trek”, per fortuna che la
prossima settimana ci sarà un altro film con Picard e compagni a tenerci
compagnia. Non ho detto bello, un film, ma in ogni caso, non mancate!

Intanto non perdetevi il post di SamSimon, non potrei avere compagno di viaggio migliore in questo viaggio nell’universo di Star Trek.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Gli intrighi del potere – Nixon (1995): la storia di Tricky Dicky secondo Oliver Stone

    Oggi affrontiamo il titolo che per certi versi da solo, ha confermato una delle etichette appioppate al titolare della rubrica, quindi senza ulteriori indugi, benvenuti al nuovo capitolo della rubrica… [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing