Home » Recensioni » Star Wars Rebels: Episodio 1×09 – Idiot’s Array

Star Wars Rebels: Episodio 1×09 – Idiot’s Array

Fino a questo
momento “Star Wars Rebels” è stata una serie gustosa, con un buon ritmo,
personaggi interessanti, è il bilanciamento giusto tra il target di riferimenti
(I Bambini! Perché nessuno pensa a vendere gadget ai bambini!) e il fan base di
Guerre Stellari, insomma uno show in grado di divertire grandi Nerds e
piccini….

La serie è sempre
stata orientata più alla trilogia classica, che a quella nuova, quella dei
prequel…quella che fa schifo per capirci. Ci sono state strizzate d’occhio e
citazione fatte apposta per accontentare i fans, ma fino a questo momento, sono
sempre state abbastanza funzionali alla trama e mai semplicemente fini a loro
stesse….ecco, poi è arrivato l’episodio numero nove “Idiot’s Array”, che fin
dal titolo non prometteva nulla di buono.

Ora dovete essere
onesti con voi stessi: Che tipo di fan di “Star Wars” siete?
Uno di quelli per
cui va bene tutto, ma proprio tutto, purché sia immediatamente riconducibile
alla saga creata da George “Jabba” Lucas? Oppure pretendete il minimo sindacale
di onestà in una storia legata all’universo di Guerre Stellari? B
ene per capirlo
dovrete guardare questo episodio, se dopo i 20 minuti circa, sarete
soddisfatti, ho una brutta notizia per voi…

Questa puntata è
puro Fan Service, non esista un altro modo per descriverla. Nell’episodio
precedente, Frank Oz faceva un Cameo vocale, doppiando di nuovo il Maestro
Yoda, evocato ma non mostrato.


Nell’episodio “Droids
in Distress” facevano la loro comparsa 3PO e R2 (Detti 3PO e C1 se siete legati
all’era in cui “Guerre Stellari” si chiamava “Guerre Stellari” e non “Episodio
IV – Una nuova speranza”) eppure la loro presenza, era sì un piccolo regalo ai
fans, ma era del tutto funzionale allo sviluppo della storia. Qui invece, come
detto siamo nel Fan base più duro e puro:


Zeb e Kanan
convinti di avere una buona mano a Sabacc, si giocano anche Chopper, il Droide
della nave Ghost, ma il loro avversario ha carte migliori, ed è un vecchio
drittone, si chiama Lando, Lando Calrissian.


Vi lascio il
tempo per esultare, si perché qualunque fan di Guerre Stellari, si fomenta come
un Wookie prima della battaglia quando vede Lando Calrissian, specialmente se è
doppiato da Billy Dee Williams in persona.


“Eh si mio piccolo bidone della carta, sono proprio io”

Il problema è che
l’episodio è tutto qui.

L’equipaggio
della Ghost si lancia in una missione il cui unico scopo è dare righe di
dialogo a Billy Dee Williams, in cui Lando fa il piacione con Hera, ammalia
Sabine, fa fare figure di niente a Zeb e Kanan (Per altro Zeb, ha una striscia
positiva aperta di “Zebbate”, fa qualcosa è crea danni ai suoi compagni
mettendoli in serio pericolo di vita…fateci caso, lì ha quasi ammazzati tutti).


La sceneggiatura
di Kevin Hopps, giù autore del divertentissimo “Fighter Flight” e del meno
valido ma comunque buono “Out of Darkness”, è veramente pessima, perché di
fatto dà per scontato che tutti si fidino di Lando, anche se passano il tempo a
dire, che è uno di cui è meglio non fidarsi. Hera accetta il uo piano
rischiando la pelle, sulla nave del viscido Azmorigan, che vorrebbe fare di lei
la sua schiava Twi’lek personale, come se fosse un Jabba The Hutt qualunque,
anche se sembra più un personaggio uscito da un episodio di Peppa Pig.


“Ciao sono Azmorigan Pig! Oink Oink”

Bisogna dire che
il ritmo è alto, e l’azione per fortuna non manca, anche se Kevin Hopps timbra
il cartellino inserendo un forzatissimo elemento per accontentare il target dei
bambini: Il Maiale palla…poi non datemi ascolto quando vi dico che questo
episodio sembra un crossover tra Star Wars e Peppa Pig eh!


Il fatto che il
Maiale palla si gonfi tipo…beh…un pesce palla, è al centro di un paio di gag,
vorrei dirvi che sembra una citazione all’alieno di “Dark Star” di Giovanni
Carpenter, ma purtroppo no…è solo un maiale che si gonfia, un pallone gonfiato,
raccomandato alla produzione perché sui cugino è Spider-Pork.

“Lando, prendi il tuo maiale e sparisci da queste serie”

Il finale è
inconsistente, l’episodio in se non fa fare un solo passo in avanti ai
personaggi, non approfondisce le personalità dell’equipaggio della Ghost, e
mette da parte l’allenamento di Ezra, nel suo percorso per diventare un Jedi,
l’unica vera novità, è rappresentata dalla spada Laser del giovane Padawan,
questa serie sta spingendo sul design innovativo delle spade Laser, forse per
preparare il campo alla spada Laser DemoSithiana che vedremo in Episodio
VII,  in ogni caso, la Spada Laser di
Ezra…spara, ed è un’altra occasione per far notare a Kanan che la sua spada è
molto basic, presto rideranno di lui dicendogli “Ah! Hai comprato la Spada
Laser versione baracca!”.


Insomma, dopo
nove episodi buoni, un errore di percorso è perdonabile, spero resti un caso
isolato, e non la nuova tendenza di questa serie, sarebbe un peccato
trasformare una serie divertente e ben fatta, nell’ennesima auto celebrazione sterile
alla saga di “Star Wars”, come Fan siamo già responsabili di uomini adulti che
si vestono come Bobba Fett, cerchiamo di non farci altri nemici ok?
“Un Cosplayer di Boba Fett? dove?
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Star Wars – The Acolyte – Stagione 1 (2024): la colica stellare

    Sono sempre più convinto che quella famosa introduzione, o se volete una bella dichiarazione di rinuncia di responsabilità, che annunciavo qualche tempo fa legata a tutti i nuovi prodotti a [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing