Home » Recensioni » Stopmotion (2024): malessere a passo uno

Stopmotion (2024): malessere a passo uno

Uno dei primi film targati Shudder che ho visto quest’anno ha calamitato subito la mia attenzione, che scherziamo? Leggo “Stopmotion” penso al Maestro Ray Harryhausen e ho già cliccato “play” senza pensarci!

Ella (Aisling Franciosi, lasciatemi l’icona aperta, torneremo presto su ella. Ah-ah) è una figlia come tante, classica tipa tranquilla con un peso enorme sul cuore, anzi, una grande ombra da cui è difficile svinvolarsi, sua madre Suzanne (una monolitica Stella Gonet) è una vera leggenda dell’animazione a passo uno, nel film tutti parlano di lei come appunto, di una sorta di Maestro Harryhausen, anche se la sua condizione la avvicina molto a come mi immagino sia nella vita Phil Tippett, anche alla luce della sua ultima fatica.

Non voglio fare illazioni sugli effetti a lungo termine di questa tecnica, ma questo film non depone a favore, anzi!

Suzanne è anziana, malata, con le mani rese inservibili dall’artrite e dal logorio degli anni passati ad animare film un fotogramma alla volta, non fa altro che sbraitare ordini alla figlia, in quella che è una dinamica ormai logora che se fossimo su un sito alla moda, qualche recensore molto fighetto descriverebbe come “tossica”.

Sarà, ma io ci ho visto solo il peso del senso di responsabilità di una figlia nei confronti di una madre, che per di più per tutti è una leggenda, questo spiegherebbe anche come mai Ella, ad un certo punto decida di mettere mano lei al lavoro materno nel tentativo di portarlo a compimento.

Senza pressione eh? Lavora tranquilla.

In “Stopmotion” c’è parecchio non detto, il regista Robert Morgan al suo esordio, come narratore dimostra a tratti di essere ancora uno tutto da fare, però l’atmosfera malsana è quella giusta e i personaggi che ruotano attorno alla coppia madre-figlia contribuiscono, uno è rappresentato dal fidanzato della protagonista Tom (Tom York), a tratti il suo unico contatto con l’umanità (o la realtà) quando Suzanne viene colpita da un ictus.

L’altro personaggio è quello della ragazzina, che non ho francamente capito da dove sia uscita (figlia dei vicini o visione onirica? Boh non è chiarissimo), sta di fatto che ad interpretarla è l’efficace Caiolinn Springall, afflitta dagli incubi racconta ad Ella della creatura mostruosa che la perseguita, un essere chiamato “The Ashman”, che era proprio quello di cui la novella animatrice a passo uno aveva bisogno, visto che rimasta sola con la sua plastilina in uno squallido appartamento decadente, necessitava proprio di un altro fantasma, questa volta forse non metaforico.

Ovviamente l’animazione (angosciante) a passo uno, non può mancare.

Se vi è piaciuto il ben più riuscito Censor, nell’esordio di Robert Morgan potreste ritrovare qualcuna di quelle atmosfere, ma a farla da padrona sono ovviamente le inquietanti e riuscite sequenze animate con la tecnica del titolo, che diventano sempre più intellegibili, ad un certo punto non è più chiaro se abbia sconfinato fuori dalla realtà o se la mente di Ella si sia semplicemente persa in essa. Ma non era Ella? Vabbè ci siamo capiti.

Con un po’ più di esperienza nella gestione del ritmo, “Stopmotion” sarebbe stato un gioiellino, ma se vi piacciono le atmosfere malsane e non vi fossilizzate su una trama in cui alcuni elementi non sono proprio spiegati in maniera cartesiana, il film potrebbe piacervi molto, anche perché ha un decente tasso di “Body Horror” che ben si sposa con la tecnica dell’animazione a passo uno e al contenuto del film-nel-film di Suzanne, bello tetro già di suo.

Il montaggio sonoro poi è un’arma notevole a favore del film, la stopmotion è per sua natura silente, capace di creare “figurini” simili agli umani nei movimenti ma strani quel tanto che basta da risultare creature da incubo, se poi a questo ci aggiungi un sonoro che sa di viscido e bagnaticcio, il coefficiente di malsano della storia fa un balzo in avanti, al resto ci pensa Aisling Franciosi, di cui è il momento di parlare.

Per chi ama farsi coccolare dai film horror.

Questi piccoli film dalle atmosfere Horror sono il suo pane quotidiano, l’avevamo già vista bravissima in The nightingale, qui si conferma ottima a comunicare (di solito disagio) anche senza bisogno di troppi dialoghi, perfetta per portare noi e il suo personaggio oltre quell’argine che se infranto, determina l’impossibilità di capire cosa è reale e cosa no, insomma per ora lo trovate solo su Shudder, ma se vi capita, questo viaggetto malsano a passo uno merita un’occhiata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Forse non perfettamente centrata in ogni sua parte, no, ma una storia simile legata alla stop-motion credo la meriti un’occhiata (se solo tutti questi titoli riuscissero a superare la “barriera” di Shudder)… Buona Pasqua, capo! 😉👍

    • Shudder è una cornucopia, peccato sia un’utopia da noi, intanto, auguri di buona Pasqua anche a te capo 😉 Cheers

  2. Grazie, auguri anche a te!!

    • Bro-Fist! 😉 Cheers

  3. Thanks.
    Il fatto e’ che ho anche provato a cercarlo, pur non ricordando il titolo, ma non veniva proprio fuori.
    Grazie ancora.

    • Di nulla figurati e visto che ci siamo, inizio con gli auguri di buona Pasqua 😉 Cheers

  4. Avevo adocchiato il trailer e mi aveva incuriosito, complice anche il fatto che la stop – motion la adoro da sempre.
    E in caso di creature mostruose mi mette addosso una fifa fottuta,se mi passi la declinazione.
    Mah, forse ci si aspettava un po’ di piu’.
    Tornando su quel vecchio discorso di “Jurassic Park”, ammettiamo che l’animazione a passo uno in termini di sontuosita’ visiva non poteva certo competere con la neonata CGI.
    Anche perche’ era una novita’, impiegata a quel modo. Che sarebbe diventata ben presto una rivoluzione.
    Pero’, con Tippett, rimango dell’idea che i dinosauri avrebbero fatto molta ma molta piu’ paura.
    Poi avresti visto genitori trascinare via infanti in lacrime, come al solito…
    Un aiuto, Cass: mi daresti il titolo di quel film horror a passo uno che avevi recensito tempo fa, dove all’inizio c’era un corto con quattro cantanti che venivano aggrediti da una creatura misteriosa?
    Non riesco piu’ a ricordarmelo, mannaggia.
    Grazie in anticipo.

    • Si chiama “Frank & Zed”, purtroppo ancora un oggetto misterioso ma è nella lista dei post che stanno per tornare sulla Bara 😉 Cheers

Film del Giorno

Trunk – Locked In (2024): bagagliaio che te ne vai lontano da qui chissà cosa vedrai

Mille piattaforme di streaming e il risultato? Passi ore a sfogliare in cerca di qualcosa da guardare, oppure metti su un’altra volta il blu-ray di Grosso guaio a Chinatown e [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing