Home » Recensioni » The Autopsy of Jane Doe (2016): La notte della morta vivente

The Autopsy of Jane Doe (2016): La notte della morta vivente

Vi ricordate di André Øvredal? No? Strano, perché
con un nome così non dovrebbe passare inosservato, vorrà dire che forse non
avete visto il gustosissimo “Trollhunter” (2010), un found footage di quelli
riusciti che mescolava folklore norvegese e idee azzeccate.

Ammetto di aver perso le tracce del Norvegese
per un po’, prima di rivederlo comparire in Inghilterra dietro la macchina da
presa di questo “The Autopsy of Jane Doe”, che mi sfiziava e non poco, sarà che
mi piacciono i film con la mono location, o forse solo perché un obitorio per
uno che ha un blog che si chiama la Bara Volante è un po’ come tornare a casa.
Pare che Andrè abbia visto The Conjuring e abbia detto al suo
produttore di fiducia: “Portami una sceneggiatura horror come si deve!”. Motivo
per cui il nostro si è ritrovato per le mani quella scritta da Ian Golberg e
Richard Naing che, diciamolo, non è tutta pesche e crema, a differenza del film
che invece si lascia guardare.
Virginia, nello scantinato di una famiglia “Mortammazzata”
viene trovata una “Jane Doe” il cadavere di una giovane donna non identificata,
ma perfettamente conservata, lo sceriffo non sa che pesci pigliare, domani
mattina bisogna fare rapporto e non sa come giustificare la presenza del
cadavere della misteriosa signorina ex viva. Si rivolge, quindi, alla scienza
medica, nello specifico alla famiglia Tilden, patologi locali.



“Figliolo, non è educato palpare i cadaveri”.

Papà, Tommy Tilden, ha il faccione di Brian
Cox, decenni di esperienza da passare al figliolo Austin che, siccome è
interpretato da Emile Hirsch, pare più interessato a fuggire (Into the wild)
con la fidanzata che a portare avanti l’azienda di famiglia, ferma agli anni ’80,
anche nel look dell’edificio (con il legno alle pareti). Eppure, questa Jane Doe
è un caso troppo sfizioso, morta, ma perfettamente conservata e senza apparenti
segni, un mistero da svelare usando metodo e deduzione. Seguono casini immani!

La prima parte di “The Autopsy of Jane Doe”
funziona alla grande, penso sia impossibile non restare incollati allo schermo
davanti ad ogni nuova rivelazione fornita dal corpo morto della ragazza, Øvredal
dirige dritto e preciso come un patologo e noi davanti allo schermo, giù a
snocciolare teorie,  qui lo dico: al primo indizio consistente (gli
sceneggiatori scoprono un po’ troppo le carte) ho indovinato subito quello che
avrebbe dovuto essere il colpo di scena, non credo sia impossibile da intuire
per gli spettatori più smaliziati.



“Bel film, ma l’attrice che faceva il cadavere è troppo inespressiva”.

Ed è davvero forse solo questo il difetto di “The
Autopsy of Jane Doe”, sembra pensato intorno a quella rivelazione che avrebbe
dovuto essere clamorosa e che rischia di rendere un’eventuale visione numero
due del film anche abbastanza inutile. Non so quanto possa lasciare
questo film, considerando che nel finale hanno cercato d’impostare un
eventuale seguito.

Detto questo, il film si lascia davvero
guardare, dal momento che “Jane Doe” arriva sul tavolo dell’obitorio della
famiglia Tilden, la trama diventa quasi in tempo reale, con il susseguirsi
di rivelazioni e stranezze contenute nel corpo della ragazza, aumentano anche
le calamità apocalittiche e il senso di minaccia per i protagonisti, tutta roba
molto classica, eh (tempesta in arrivo, radio che cambia stazione da sola… LE
CAVALLETTE! Ah, no, scusate quelle no!), ma anche tutta roba ben girata che
funziona, mentre papà e figlio si ritrovano assediati.



“Lo sapevo che facevo bene a starmene in Alaska”.

Ora, vi faccio due titoli, ma prendeteli solo
come riferimento. In un paio di momenti alcuni passaggi del film mi hanno
ricordato The Fog di Carpenter
(nebbia ed assedio) e altri Re-Animator, se non altro per la location del film,
non sto dicendo che “The Autopsy of Jane Doe” sia al livello di questi due
titoli (proprio no) dico, però, che si vede che André Øvredal ha fatto i
compiti, mandando a segno un film orgogliosamente vecchia scuola, come l’abitudine
di Tommy Tilden di legare campanellini alle caviglie dei corpi, così, per
precauzione.

Suonare solo in caso di incendio resurrezione.

Di questo film funziona anche il rapporto
padre e figlio e la chimica tra i due attori, Emile Hirsch e Brian Cox sono
davvero azzeccati, credibili come parenti anche per motivi anagrafici e
perfettamente a loro agio in un horror, genere che nessuno dei due ha bazzicato
poi molto, a ben guardare.

Insomma, “The Autopsy of Jane Doe” è un bel
filmetto, gli manca il colpo del KO ed è troppo costruito attorno ad un colpo
di scena che avrebbe dovuto colpire lo spettatore come una gomitata a gioco
fermo, mentre non è poi così difficile da intuire, resta positivo che André
Øvredal anche fuori dai confini norreni si confermi uno che sa il fatto suo,
uno che con i mezzi potrebbe fare qualcosa di davvero buono. Intanto, voi un
giretto in obitorio fatelo e la chiudo qui prima d’iniziare a sembrare troppo
lo Zio Tibia.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Gli intrighi del potere – Nixon (1995): la storia di Tricky Dicky secondo Oliver Stone

    Oggi affrontiamo il titolo che per certi versi da solo, ha confermato una delle etichette appioppate al titolare della rubrica, quindi senza ulteriori indugi, benvenuti al nuovo capitolo della rubrica… [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing