Home » Recensioni » The Beekeeper (2024): …altrimenti ci arrabBEEamo!

The Beekeeper (2024): …altrimenti ci arrabBEEamo!

Un omone grande e grosso si aggira per il vicinato nella sua tuta spaziale da apicoltore, ma non si tratta di Bud Spencer nella prima scena del suo sceriffo extraterrestre, in realtà è Jason Statham con la barba lunga stile Bud, che in combo con la pelata fa di lui la versione spessa del cantante dei Negramaro. Se Giasone cantasse in un gruppo si chiamerebbero i Menamaro.

Giasone ha chiamato Bud, rivuole indietro l’idea della tuta finto spaziale.

Vicina di casa dell’apicoltore è la signora Robinson, no, non Anne Bancroft ma Phylicia Rashād, che dalla finestra deve aver fatto entrare un vampiro visto che è identica a quando in tv era la moglie di Bill Cosby. A proposito di vampiri, la donna che gestisce i soldoni della carità per i bambini, si fa succhiare via il conto online da una rampante, giovane, spregiudicata (e vestita male) versione da “Infernet” del Jordan Belfort scorsesiano e poi si suicida per il senso di colpa di essere stata truffata in rete. Per futili motivi la colpa NON ricade sul nostro apicoltore che però si fa carico della sacrosanta vendetta.

Mettiamola così, la signora Robinson e le sue arnie per le api stanno all’apicoltore come il cane sta a John Wick o il Maestro ucciso all’eroe marziale degli anni ’70, la differenza sta nel fatto che l’inizio di “The Beekeeper” sembra scritto da Sigfrido Ranucci di Report, perché sembra una di quelle trame del tipo: vecchi alla riscossa contro i GGGgiovani truffatori del web. Infatti Giasone irrompe nella start-up con due taniche di benzina e fa quello che qualunque Boomer vorrebbe fare con la Trap e Tik-Tok.

«Ora te lo do io lo scontro generazionale. Dritto in faccia con le nocche»

Non è chiaro se “The Beekeeper” sia il nuovo The Mechanic con Giasone che ha cambiato mestiere di copertura o un John Wick con un protagonista che sa menare davvero anche se decisamente più scarsocrinito. Di sicuro si tratta della nuova regia di David Ayer, gettato giù dall’Olimpo del DCEU e costretto a riciclarsi regista di generico action con Giasone.

Lo spunto è lo stesso: un energumeno che si è ritirato a vita privata che non è quello giusto da far arrabbiare, perché è un apicoltore, ma anche un Apicoltore, ovvero uno degli agenti segreti super addestrati di una società segreta proto-Wick (lì erano tutti assassini, qui tutti agenti segreti cazzuti), peccato che Ayer non sappia se gestire questa trovata in modo spiritoso o serissimo, nel dubbio lasciare fare tutto a Giasone, al coreografo dei combattimenti e al montatore che combinano per scene d’azioni fulminee, almeno un paio ben riuscite, come la lotta a colpi di coltello con il “grosso”, tutta ripresa a breve distanza e con coltelli estratti a strappo… Auch!

Giovanotti che stanno per essere malamente menati.

Uno dei momenti più caciaroni è la rissa al benzinaio, con un’altra “Ape Regina” armata di M60 e conciata come la bassista di Jem e le Holograms, forse l’unico momento in cui Ayer si lascia andare all’atmosfera da fumettone che sarebbe una delle anime del film, regalandoci un po’ di miele.

Risultato finale: “The Beekeeper” non è il film più originale o memorabile che vedrete quest’anno, per Giasone è un’altra giornata in ufficio, anche se si è già detto disponibile per un seguito, ma ci credo! Nella sua carriera al momento latita una saga e un personaggio monolitico che per lui sia un assegno sicuro. Questa deriva alla Charles Bronson della sua carriera è fisiologica, anche se fa specie vederlo circondato da piccoli ruoli per nomi come Minnie Driver oppure Jeremy Irons, costretto a sudarsi lo stipendio, usando tutto il suo mestiere per rendere almeno ascoltabile un imbarazzante monologo sulle api che portano avanti il mondo. In pratica “Bee Movie” (2007) narrato da Geremia Ferroso.

«Non picchieresti mai uno con gli occhiali che ha lavorato con Cronenberg, vero?»

Nei panni del CEO GGGiovane (e quindi stronzo) troviamo Josh Hutcherson l’ex “Future Man” ormai prezzemolino delle produzioni di dubbio gusto ma di sicuro intrattenimento, film destinati a perdersi nella memoria collettiva del pubblico, un po’ come “The Beekeeper”.

Anche se va detto che magari con un regista meno in imbarazzo o in equilibrio sulle uova di David Ayer, qui in versione galoppino di Statham, i seguiti di questa saga sono già belli che pronti: sogno un secondo capitolo con Giasone contro Candyman, dove lo vedremo staccare l’uncino con i denti e pronunciare il nome del suo avversario cinque volte di fila mentre lo prende a pugni, oppure ancora meglio, fantastico sull’apicoltore contro Winnie-the-Pooh versione Blood and Honey. Essù, sono film che si scrivono da soli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Bellissima descrizione, vecchio mio!
    Ne approfitto, se posso, anche per fare un pò di pubblicità al mio (bistrattato) blog, visto che la rinascita del tuo mi ha spinto a scrivere di nuovo: danielebrovida.blogspot.com
    Non è sicuramente interessante come il tuo ed è molto più intimista, però se qualcuno avesse piacere di leggere qualcuna delle cavolate che scrivo mi farebbe molto piacere!
    Ciaooo

  2. Finalmente la Bara è un sito del 2024 con il cuore negli anni ’80 e l’anima minimale, con i pulsanti e i colori che avrei sempre voluto. Questo film di Giasone invece, sarà una presenza fissa su Italia 1 e 2 a lungo 😉 Cheers!

  3. Buongiorno Cass,
    Che bella la nuova Bara! Molto cyber, anzi la chiamerei quasi Cyber-Bara!! In più anche minimalista, quindi un pò Mini-Bara!! Insomma, me piace!!
    Per il film lo sai che come Lucius-bro sono un grande appassionato di Giasone, fin da tempi non sospetti, quando se lo filavano in pochi, quindi anche se si tratta della fiera del riciclo di idee e situazioni, mi basta vedere lui che mena (e in questo caso brucia pure) per essere felice. Quindi sicuramente lo vedrò quando passerà su uno dei servizi a cui sono abbonato… L’idea di vederlo al cinema mi sembra un pò eccessiva, tanto poi traghetterà su Italia2 dove passerà tante di quelle volte che ne perderemo il conto… Buon Giobia e complimenti ancora per la nuova versione!!

  4. Che posso dire, io mi sono letteralmente esaltato durante la visione. Certo per Statham è tutto “regolare” ma per una volta si ritrova dentro un film ben diretto, con un ritmo che non permette di badare troppo al racconto stupido che muove il tutto.

  5. Era qui che doveva stare Giasone, per scaldare i muscoli in vista dei post nuovi che arriveranno da domani, ci voleva lui e la sua cura al miele 😉 Cheers

  6. Ancora devo vederlo, giusto per dire quanto senta forte il beesogno di vedere Jason apicultore, ma è bello rivedere Statham sulla Bara ^_^

  7. Grazie Vincenzo, quello che conta è essere tornati, presto riuscirò anche a rispondere singolarmente ai commenti 😉 Cheers!

  8. La serata te la salva, non so se salverà la carriera di David Ayer, in caduta libera è già diventato un regista al servizio di Giasone. Cheers!

  9. Ciao Cassidy, non sono riuscito a darti il bentornato ieri quindi rimedio oggi. Bentornato!
    Immagino sia stato un mese stressante, ma per fortuna non si è perso tutto il lavoro encomiabile di questi anni.
    A un primo sguardo il nuovo sito mi piace parecchio, complimenti a chi ci ha lavorato.
    Alla prossima!

  10. Ciao Cassidy, ieri non sono riuscito a darti il bentornato quindi rimedio oggi. Bentornato!
    Immagino sia stato un mese difficile, ma per fortuna sei riuscito a salvare il lavoro encomiabile di questi anni.
    Il nuovo sito a un primo sguardo mi piace parecchio e mi complimento con chi ci ha lavorato. Immagino che ora che sei autonomo i problemi che hai avuto siano superati.
    Ci vediamo alla prossima!

  11. Dovevo vederlo ma poi me lo son perso, lo andrò a recuperare su qualche piattaforma, a Giasone che mena le mani va concessa sempre una possibilità. Almeno sembra un film solido per una serata a base di ossa rotte.

Film del Giorno

Star Wars – The Acolyte – Stagione 1 (2024): la colica stellare

Sono sempre più convinto che quella famosa introduzione, o se volete una bella dichiarazione di rinuncia di responsabilità, che annunciavo qualche tempo fa legata a tutti i nuovi prodotti a [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing