Home » Recensioni » The Bourne Supremacy (2004): bad to the Bourne

The Bourne Supremacy (2004): bad to the Bourne

Soffrite di mal di mare? Prendete un antiemetico e preparatevi a navigare nelle acque burrascose del secondo, turbolento episodio sulla spia che non solo ci provava, ma ci riusciva. La parola al nostro Quinto Moro, armato e pericoloso.

Allora. Io amo la trilogia di Bourne. Ma l’amore non è bello se non è litigarello. L’importante è far pace e volersi bene come prima e più di prima, ma che fatica con The Bourne Supremacy. Sarò onesto, ai tempi non sentivo la necessità di un sequel, The Bourne Identity aveva un (dis)onesto finale da “vissero felici e contenti”. Quando poi uscì il sequel ero curioso e carico di aspettative, anche perché avevo apprezzato “Bloody Sunday” di Paolo Verdeprato, il cui prato più verde rispetto a Doug Liman gli era valso la promozione alla regia. Liman ce l’aveva messa tutta sia per portare Bourne al cinema sia per farsi sostituire. Greengrass è senza dubbio quello che ha fatto fare uno scatto alla saga, purtroppo la mia prima visione di Supremacy fu devastata da eventi esterni: sulla strada per il cinema sfiorai risse e incidenti stradali, manco fossi braccato dagli scagnozzi di Treadstone (storia vera). Giunsi in sala già sconquassato di mio, figuratevi il trauma per la regia di Paul “Tarantolino” Greengrass.

The Amazing Spider-Bourne #2 – Appeso al ponte di Mosca

Partiamo subito dall’elefante nella stanza: la shaky-cam, ovvero quelle inquadrature che fanno sembrare come il vero coinvolto nelle scazzottate non sia il protagonista, ma l’operatore della macchina da presa.

Se vi fate un giro per l’infernet troverete articoli e video che descrivono la shaky-cam come la peste e la trilogia di Bourne come qualcosa che “ha rovinato il cinema d’azione”. Se avessi un addestramento Treadstone andrei a cercare questi tizi e renderei il mondo un posto migliore, più pulito, perché non è mai la tecnica ma il come, quando e perché la si usa. La shaky-cam non ha rovinato il cinema più di quanto non l’abbiano fatto la CGI o il 3D.

Greengrass, l’uomo nelle cui vene scorre caffè e gira tutto come se fosse un documentario, in questo film riuscì a farmi venire il mal di mare in più di un’occasione. Se in The Bourne Identity lo stile sporco e frenetico era in fase embrionale, qui c’è l’esasperazione più totale con le continue – e a volte esasperanti – inquadrature ballerine, unite al solito montaggio serrato. Il confine tra realismo e confusione è sottile, e Supremacy sta sempre sul filo del rasoio.

Non inquadrato: Paul Greengrass sta picchiando a morte l’operatore di macchina per far sembrare tutto più movimentato.

In epoca post The Raid e John Wick vari, le scene shakerate sono diventate un esempio da non imitare: colpi fuori campo, combattimenti confusi e illeggibili ci hanno nauseato nel decennio post-Supremacy principalmente perché tutti hanno iniziato a montare e shakerare l’inquadratura convinti che facesse figo.

Supremacy non è perfetto, ma se nei decenni a seguire lo stile è stato imitato da tanti – e male – un motivo ci sarà: costa meno delle scene ben coreografate, i tagli veloci riducono la quantità di ciak e si può andare più allegramente di “buona la prima” che tanto poi ci pensa il montaggio (soprattutto quello sonoro). Se non tutti gli attori sono esperti d’arti marziali, né tutti i registi capaci di costruire scene action degne di tal nome, la shaky-cam dava l’idea che fosse facile per tutti. Spoiler: non è così.

C’è però un fatto: né Liman né Greengrass erano registi d’azione, ma avevano in mente uno stile, un’idea di realismo e ritmo diverse dal vecchio cinema action, e serviva anche ad aumentare l’illusione di strapotere fisico di un Matt Damon che non era esperto di arti marziali. Eppure la cazzimma di Matt è alle stelle, ingrugnato e livoroso come dev’essere un uomo non soltanto in cerca di verità ma pure di vendetta, inarrestabile e a suo agio in ogni scontro, in ogni città del mondo. C’è anche l’obbligatoria tappa italica, che in questa saga non manca mai.

Vedi Napoli e poi muori ammazzi tutti

Se già in Identity la sceneggiatura di Tony Gilroy si discostava decisamente dall’omonimo romanzo di Robert Ludlum, qui parte per la tangente scrivendo di testa sua e staccandosi dalla controparte cartacea, ormai rimasta lì per dare solo titolo ai film.

La storia comincia col buon Jason imboscato in India con la sua Marie, lontano dal mondo, a fare i conti coi brutti ricordi della vita da killer. Qualcuno pensa bene di tirarlo dentro a un intrigo internazionale usandolo come capro espiatorio. Madornale errore. Certo, la cosa avrebbe senso, visto che Bourne era un cane sciolto, una faccenda in sospeso che prima o poi andava chiusa, a lasciarmi basito è che cerchino di accopparlo solo dopo averlo incolpato. Il tempismo è tutto, e se fai parte della leggendaria “”intelligence”” americana (tante virgolette), il piano per incastrare Bourne è la peggio esecuzione mai vista di una mossa Kansas City.

Il personaggio di Marie viene fatto uscire di scena in maniera piuttosto ignobile. Franka Potente si fece il tour promozionale spoilerando neanche troppo velatamente al grido “dite ai produttori di non far sparire Marie!”. A me ‘sta cosa ha sempre dato fastidio – l’uscita di scena, non lo spoilerone di Franka – ma alla fine ha senso nella trama di Gilroy incentrata sulla vanità della fuga dal passato, che torna sempre.

«Che fai, tocchi?» – «Devo approfittarne, è il mio ultimo ciak»

Il casting di Supremacy è la fiera del talento e delle facce più o meno note di quegli anni. Il killer antagonista di Jason ha lo sguardo fisso di Karl Urban. L’arcigno e cazzutissimo Chris Cooper è rimpiazzato da una altrettanto cazzuta Joan Allen che da potenziale stronza si rivela uno dei più bei personaggi della saga. Brian Cox torna a fare il vecchio che spaccia paraculaggine per saggezza, st’infame.

Negli uffici della CIA scorgiamo sullo sfondo Michelle Monaghan, mentre acquista più spazio Julia “quella di Save the last dance” Stiles, a cui tocca una scena da brividi, quando incontra Giasone Furioso che le punta la pistola alla testa. Se volete la mia, è in questo film che Matt Damon è diventato grande, più convinto e a suo agio nel personaggio, ha fatto fare anche uno scatto alla saga e alla sua carriera.

«Sono anche istruttore di danza. Non mi credi? Farò ballare i denti a tutti»

Solo e nuovamente a caccia, Jason tenta di scavare nel suo passato, sempre più braccato dalla CIA e dagli agenti stranieri (i cattivi sono russi, ma fanno giusto i lacché al vero villain). A prima vista il titolo del film sembra sbagliatissimo: supremazia de che? Vediamo un uomo ferito nell’animo e nel fisico, ma è qui che capiamo veramente chi e cosa sia Jason Bourne: non una preda ma un cacciatore che agisce con freddezza, reagisce e progetta in tempo reale, sempre un passo avanti agli avversari. È questo che lo differenzia dai soliti eroi buoni nei film di spionaggio, che devono star dietro ai piani dei cattivi. Jason Bourne invece potrebbe essere lui il cattivo, la vera minaccia.

Tu non lo sai, ma mentre leggi questa didascalia ti sta guardano.

Supremacy dura meno di due ore e fila velocissimo. I personaggi sono sempre in movimento, Bourne da una parte all’altra del mondo e gli altri, beh, da un ufficio all’altro. Ma c’è il giusto peso in ogni dialogo, in ogni battibecco, e a dettare il tempo insieme al montaggio c’è un’altra colonna sonora magnifica di John Powell, che sale di giri negli inseguimenti (ma va fuori giri proprio nel gran finale, dove sfiora la cagnara).

Il duello tra Jason e Kirill (Karl Urban) avviene al volante, in una sfuriata di sgommate per le strade di Mosca. Di nuovo, dopo la plumbea Parigi, l’altrettanto fredda e spenta Mosca, perché gli inseguimenti nel mondo realistico di Bourne non avvengono sotto il sole, ma col clima che capita. Dopo la Mini, Jason deve cavarsela col primo taxi rubato che gli capita. Succede tutto così velocemente che quasi non ci accorgiamo che Jason stia facendo tutto ‘sto gran casino solo per riacquistare un piccolo, sporco ricordo, e fare i conti coi suoi delitti.

Sono il fantasma del Programma passato…

Come in Identity, tutto è spettacolare ma non spettacolarizzato. Non ci sono minacce mondiali, c’è solo la battaglia personale di una scheggia impazzita, l’agente perfetto che si rivolta contro un sistema di piccoli burocrati che hanno il potere di decidere della vita e della morte da dietro una scrivania. Non è un mondo manicheo, è spogliato dai miti, dai grandi ideali, dalle fregnacce su dovere e onore al servizio di Sua Maestà o dello Zio Sam. Oh, non voglio sparlare di Bond o Ethan Hunt, ma Bourne è un diverso approccio allo stesso genere, ha contribuito a definire parte dello stile di quelle saghe e, dal punto di vista del racconto e del sottotesto, dà una pista a tutti. Per avere la visione d’insieme però bisogna arrivare al terzo capitolo, e scoprire tutti i fantasmi del passato.

Il finale di Supremacy svela finalmente il nome del protagonista, in quella scena che sembra chiudere l’odissea ma fa solo da prequel al terzo film. L’attacco sui titoli di coda di Extreme Ways di Moby, che chiudeva anche The Bourne Identity sa di paraculata, perché richiama il precedente lieto fine in questo film molto più amaro, ma riesce sempre a rimettermi in pace con me stesso. Restate sintonizzati perché la fuga di Jason si concluderà con “The Bourne Ultimatum”, prossimamente su questi loculi.

Grazie a Quinto Moro per aver affrontato con coraggio il mal di mare da shaky-cam con questo post. Vi ricordo che potete trovare i suoi lavori premendo il grilletto QUI per spararvi uno dei suoi racconti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. (>Vasquez) Oh, stessa sensazione per Karl Urban, la mia reazione è sempre: “ah, ma c’era pure lui?”
    E’ il più anonimo rivale di Bourne, anche perché si scontrano a distanza (e spara pure alle spalle, st’infame).

    Mi associo per Joan Allen, sembra la villain un po’ stronza invece è un personaggione, carisma puro.

  2. Come avevo già detto sull’altra Bara (sigh!) che però è anche questa Bara, ho voluto un sacco bene alla trilogia di Bourne. E anche questo capitolo, da cui mi aspettavo poco, ha saputo ripagarmi, e devo dire che rivederlo mi ha dato proprio gusto. Per quel che mi riguarda, non è che si soffre così tanto, di mal di mare, e quel poco ci serve, dobbiamo stare male anche noi come Bourne, un po’ di nausea è il minimo per tutto quello che gli è successo. E sì, mi è dispiaciuto di nuovo tanto per Marie (quasi quasi sperava di ricordare male 😛).
    Sì forse il terzo è quello più completo dei tre, ma qui si introduce il personaggio di Joan Allen, e come si fa a non adorarla? E poi devo dire che il finale di questo mi piace di più, mi esalta tantissimo quel “Si riposi, ha l’aria stanca” e poi parte Moby, sarà una paraculata ma mi manda in estasi, anche se poi verrà tutto ribaltato, ma per me potevano anche chiuderla qui.
    Invece non ricordavo per niente la presenza di Karl Urban, gran professionista non c’è che dire, si vede che in ogni ruolo dà sempre il meglio, ma per me ha sbagliato mestiere. Doveva fare il Man In Black per la miseria! Ha la capacità di uscire dalla memoria non appena partono i titoli di coda del film dove c’è lui! Non è mica da tutti, una cosa del genere…

  3. (Redferne) Vero, rispetta la tradizione dei numeri 2, almeno quelli che vogliono alzare la posta in gioco, nella messa in scena ma anche nel far crescere l’affezione ai personaggi e raccontare un pezzo di storia più ampio.
    Emotivamente è il più bello, ma sulla tecnica Ultimatum è quello che trovo più compiuto, quello in cui la “formula Bourne” si è espressa appieno.

  4. …O un ottimo espediente per far mandare giu’ le risse a chi proprio non le digerisce.
    Ed evitando pure di dover alzare il rating, visto che ci siamo.
    A costo di far apparire il tutto girato da un ubriacone.
    Non dico che una scazzottata debba generare per forza dolore fisico al solo vederla. Ma nemmeno il vomito, pero’.
    Boh, forse meglio la nausea che il fastidio.
    E’ probabilmente il mio preferito, in quanto rispetta la tradizione dei sequel.
    Dei numeri 2 in particolare, che secondo alcuni devono essere sempre i capitoli piu’ oscuri.
    Quelli dove poni tutto in discussione e magari al protagonista lo infili nei guai sul serio, almeno una volta, mettendolo veramente in seria difficolta’. E magari facendogli subire una dolorisa perdita, intanto che se la cava per un pelo.
    Poi, una volta sopravvissuto, da li’ e’ tutta discesa.

  5. Per quanto riguarda quello con Occhio di Falco non ti perdi moltissimo, solido ma dimenticabile al confronto del finale di stagione, di cui si occuperò Quinto Moro la prossima settimana. Penso proprio che Bourne, da Ludlum alla sua versione cinematografica, abbia influenzato taaaaaanti creando un modello, quello della spia smemorina 😉 Cheers

  6. Carabara, mi chiedo se Who is Jake Ellis? di Nat Edmonson e Tonci Zonjic non sia una variazione del concetto alla base di Jason Bourne e cioè come si progetta lo “asset” definitivo. So cosa stai pensando, birichino, e cioè che anche il Gorilla di Dazieri è un’altra soluzione al problema, ma le note, si sa, sono sempre quelle. Mi piace la saga di JB anche se non la divido in episodi – non ho visto solo quella con Hawkeye – perchè tanto so che alla fine Matt raggiunge la boa e galleggia fino a Moby che non è una balena, ma una sigla. Io uso asset da tempo nel mio lavoro e confesso che quando toccherà a me scrivere un romanzo al posto di Ludlum e co. chiamerò gli sniper in altro modo, qualcosa come Scalogno…ciao ciao

Film del Giorno

Star Wars – The Acolyte – Stagione 1 (2024): la colica stellare

Sono sempre più convinto che quella famosa introduzione, o se volete una bella dichiarazione di rinuncia di responsabilità, che annunciavo qualche tempo fa legata a tutti i nuovi prodotti a [...]
Vai al Migliore del Giorno
Categorie
Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
Chi Scrive sulla Bara?
@2024 La Bara Volante

Creato con orrore 💀 da contentI Marketing