Home » Recensioni » The Last Man on Earth: Episodi 1×12-13 (Season Finale)

The Last Man on Earth: Episodi 1×12-13 (Season Finale)

Doppietta
finale di episodi conclusivi anche per la prima stagione di The Last Man on
Earth. Se siete rimasti indietro, trovate gli episodi precedenti riassunti QUI. Vediamo cosa ha combinato il nostro Phil Tandy Miller questa
volta…

The Last Man on Earth: Episodio 1×12 – The Tandyman Can
Niente, io con
questa serie rido come uno scemo (cosa che mi risulta anche facile visto che lo
sono), fin dal titolo degli episodi. Questo è una citazione alla celebre “The
Candy man can” direttamente dal film “Willy Wonka & la fabbrica di
cioccolato”, pezzo omaggiato da chiunque, anche da un altro programma comico
celebre della Fox, ovvero “I Simpson” (potreste averne sentito parlare…) dove
Homer cantava “The Garbage man can”.
L’Ex Phil ci
prova in tutti i modi a farsi piacere il suo nuovo nome, nei minuti iniziali
dell’episodio, snocciola un paio di rime cercando di far sembrare “Tandy” una
nome figo… Impresa praticamente impossibile.



“Pensi di farmi paura spilungone? Eh? Eh? Eh?”

Il vero
problema è il nuovo Phil Miller versione 2.0, non solo fa i lavori di casa e si
occupa della comunità, ma riesce anche a farsi eleggere Presidente degli Stati
Uniti d’America soffiando il posto proprio al nostro Tandy. Il nuovo maschio
Alfa del branco, poi, fa colpo su tutte le sopravvissute, impegnate in una gara
a chi ride più forte alla sue battute.

Vi risparmio i
dettagli, ma l’episodio è un’escalation che porterà Tandy e il sempre meno
sereno Todd ad una decisione tragica… Ah dimenticavo, la scena in cui Tandy fa
gli addominali è spettacolare!
The Last Man on
Earth: Episodio 1×13 – Screw the Moon



La prima
stagione di questa serie si conclude con una paio di colpi di scena non da
poco. Ma prima di tutto il nostro Tandy vede il suo piano criminale contro Phil
rivoltarglisi contro e il nuovo sceriffo di Tucson vorrebbe esiliarlo dalla
sua città natale, Tandy con il suo solito approccio da vero uomo… Scappa
urlando a barricarsi in casa.



Sopra il giorno di dolore che uno ha…
Anche questo
episodio snocciola una serie di gag spassose, come quella che vede Tandy alle
prese con i viveri sufficienti per due giorni. Ma mentre Todd e Melissa fanno
pace, sono gli ultimi minuti della puntata a preparare il campo per una seconda
stagione che promette di tutto…
Non mi va
nemmeno di dirvi da dove arriva il titolo di questa puntata, godetevi la scena
perché è davvero meritevole, per il resto, l’ultimissima rivelazione che
conclude episodio e stagione, mi ha ricordato molto uno dei fumetti più belli
di sempre: “Y – L’ultimo Uomo” che come potete intuire fin dal titolo, ha molti
punti in comune con questa serie…
Ancora una
volta vorrei tessere le lodi di Will Forte e Kristen Schaal che pur interpretando
personaggi volutamente sopra le righe, sfoggiano notevoli tempi comici e
quando sono insieme sullo schermo sono veramente affiatati.



No Carol, mi riferivo al tuo affiatamento con l’ALTRO Phil.
Se dovessi
tentare di tirare le somme di questa prima stagione, direi che “The last man on
earth” è tutto un grosso Metaforone sui rapporti uomo/donna, anzi, detta ancora
meglio è tutta una grande allegoria sulla vita di coppia. Perché a tener banco
sono le dinamiche tra Phil e Carol, il virus che ha sterminato l’umanità serve
solo a rendere evidente la metafora ed è anche un po’la spiegazione del
perché in questa serie, nessuno sia poi davvero preoccupato di capire cosa è
successo sul Pianeta, più che altro i personaggi si affannano per intrecciare i
rapporti tra di loro. Proprio Phil (o Tandy come preferite) è quello tra tutti
che deve affrontare i suoi istinti da adolescente egoista e fare i conti con i
suoi sentimenti per Carol e i compromessi e le responsabilità dell’età adulta.
Ora, non vorrei
averla messa giù troppo dura, “The last man on earth” non è un pallosissimo “Un
ragazzo incontra una ragazza”, in realtà è un modo intelligente di ribaltare il
punto di vista su una trama altrimenti convenzionale e in più fa ridere, fa
ridere davvero un sacco. Avercene di Sit-com brillanti come questa, avercene a
pacchi!



In ogni caso gente…



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Wall Street (1987): l’avidità salverà la disfunzionante società che ha nome America

    Spero abbiate indossato il vostro Armani più costoso e vi siate impomatati i capelli, perché pronti o no, oggi ci gettiamo avidamente sul nuovo capitolo della rubrica… Like a Stone. [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing