Home » Recensioni » Whiplash (2014): per vincere domani

Whiplash (2014): per vincere domani

 

Noi occidentali non siamo mai stati davvero capaci a mostrare la dedizione alla causa, quella capacità di annullare se stessi in nome del raggiungimento di un obbiettivo, gli unici che hanno saputo portare questo discorso ad un altro livelli, sono stati i nostri amici Orientali, forse perché loro si, sanno davvero essere dediti ad una causa, d’altra parte si dice “Ultimo Giapponese”, non ho mai sentito nessuno dire “Ultimo Italiano”.

Visto che la più
grossa fonte di cose dal mondo degli occhi a mandarlo sono i cartoni animati e
i Manga, pensate a quelli? Quanti personaggi pronti a immolarsi, anche
fisicamente, per raggiungere un obbiettivi ricordate? Dagli allenamenti grondanti
sangue de “I Cavalieri dello Zodiaco” a quelli più edulcorati ma sofferti allo
stesso modo di Son Goku, per arrivare ai drammi sportivi, tipo “Forza Sugar” o
“Rocky Joe”, ad esempio, quando penso al sacrificio nei cartoni animati
Giapponesi, penso sempre al protagonista di “Tommy la stella dei Giants” che si
allenava con un terrificante sistema di molle legate alle braccia, per allenare
la potenza del suo tiro…
 
Ora non potete più dire che le molle del vostro letto fanno rumore

Non penso sia un
caso se i film occidentali, in cui il tema del sacrifico è ricorrente, sono
proprio i film sportivi…dai ditelo, state pensando a “Rocky” vero? Ecco, forse
perché è il riassunto di come gli occidentali intendono il sacrificio per la
causa, eppure io guardando “Whiplash”, vedevo Miles Teller, e continuavo a
pensare a Ralph Macchio/Daniel LaRusso di “Karate Kid”, quello vero, non quello
con il figlio del Principe di Bel Air.

 
Andrew (Miles
Teller), è un batterista che studia musica nella prestigiosa scuola di New
York, viene notato dal famoso ed esigente direttore d’orchestra Terence
Fletcher (J.K. Simmons). L’Obbiettivo di Andrew è di diventare una grande
professionista, anzi, il migliore, come i suoi miti Bob Ellis e Buddy Rich che
ascolta ossessivamente in cuffia. Pronto a sacrificare tutte le distrazioni,
amici e amore, sacrificandosi al Jazz. Sulla sua strada, pronto a spingerlo
oltre i suoi limiti, o ad annichilirlo completamente, proprio “Coach” Fletcher.
 
“Stai giù basso sulla gambe, alti quei gomiti!”

Damien Chazelle,
un passato da trombettista, ora al lavoro sul suo prossimo film (“La La Land”
che parla di un pianista…ovviamente Jazz), si capisce che in questa storia ci
ha messo del suo, anche perché guardatelo, Miles Teller, l’attore che ha scelto
come protagonista, sembra il suo sosia.

“Whiplash” non è
solo un film sul Jazz, nemmeno un semplice scontro generazione, o il classico
racconto sull’ascesa di un Genio, benedetto dal dono naturale del talento, no,
è la rappresentazione dell’ossessione di no normale, bravo ma bravissimo,
bravissimo ma non “Bird”, con una sola grande ossessione in testa: Essere il
migliore.
 
Se guardando il
film, vi ritroverete a pensare che Andrew è uno stronzo, non credo voi siate
andati tanto lontani dalla verità, perché Andrew non fa niente per farsi bene
volere, nemmeno dalla ragazza di cui è innamorato (Sacrificata sull’altare del
Jazz), figuriamoci con i potenziale avversari, 
 
“Whiplash” ha il titolo di un
vecchio pezzo dei Metallica, e ne conserva la furia nel suo protagonista.
Chazelle dirige
soffermandosi sui dettagli, sottolineando la fatica, il sudore sui piatti della
batteria, il sangue delle dita massacrate, il tutto con un montaggio che ho
trovato molto bello, capace davvero di andare in “Uptempo” (“It’s not mu
fucking Tempo!”) seguendo il ritmo della storia.
 
Miles Teller nel
classico ruolo che ti lancia la carriera, non solo ha la faccia da stronzetto
giusta, ma riesce a meritarsi la parte da protagonista allo stesso modo con cui
Andrew, il suo personaggio, si guadagna il ruolo di batterista principale nel
gruppo.
 
Per quanto
riguarda J.K. Simmons, io ammetto di essere di parte, perché è l’attore
feticcio di due (Tre) dei miei registi preferiti, i Fratelli Coen e Sam Raimi
(Yeah!), se lo conoscete solo per i suoi ruoli nei film di questi registi,
potreste rimanere stupiti, se invece di circodate di lui anche per la
terrificante parte del Nazista nel carcere di massima sicurezza della serie tv
“OZ” (Serie che ho seguito malamente, ma a mio avviso importante contributo
alla “Golden Age” delle serie Tv che stiamo vivendo), allora ritroverete quel
J.K. Simmons, attore versatile che qui ci regala la SUA personale versione del
Sergente Maggiore Hartman di “Full Metal Jacket”.


“Stai cercando di gonfiarla quella tromba Palla di Lardo!?!”
Difetti? Il film
non è ‘Indie’ nella sua messa in scena (Per fortuna verrebbe da dire) ma lo è
nelle sue origini, Damien Chazelle aveva vinto nella sezione cortometraggi, con
la stessa storia (e stesso titolo) al Sundance Film Festival, è tornato, dopo
aver trasformato il suo corto in un film (Questo), e ha vinto di nuovo il gran
premio della giuria, quindi non è difficile capire come mai il film ha avuto
tutta questa visibilità e questa pioggia di critiche positive, meritate nulla
da dire, ma secondo eccessivamente amplificate dal benestare del Film Festival
dello Utah, quindi se anche voi avete problemi con il Sundance di Roberto ford Rossa,
mettete in conto anche questa cosa nella visione del film. Inoltre il finale, non dico che sia male, ma essendo un dramma “Sportivo” ci vuole il match finale, lo scontro tra i due duellanti, che spesso si risolve con abbracci e sorrisi, diciamo…piuttosto convenzionale in questo.
Per il resto devo
dire, che per me è stata una visione coinvolgente, non so se avete avuto dei
“Coach” nella vostra vita, io qualcuno si, non proprio stronzi come Terence
Fletcher, ma altrettanto fuori di testa, quindi indipendentemente da quanto
siate appassionati di Jazz, il film se la gioca facile mettendosi in scia al
classico film sportivo, con la novità per i film occidentali: Questa volta il
sacrificio e la sofferenza si vedono, e non solo perché ti lasciano con le mani
sanguinanti.
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Film del Giorno

    Trunk – Locked In (2024): bagagliaio che te ne vai lontano da qui chissà cosa vedrai

    Mille piattaforme di streaming e il risultato? Passi ore a sfogliare in cerca di qualcosa da guardare, oppure metti su un’altra volta il blu-ray di Grosso guaio a Chinatown e [...]
    Vai al Migliore del Giorno
    Categorie
    Recensioni Film Horror I Classidy Monografie Recensioni di Serie Recensioni di Fumetti Recensioni di Libri
    Chi Scrive sulla Bara?
    @2024 La Bara Volante

    Creato con orrore 💀 da contentI Marketing